Free news

Da oggi ho deciso di fare un unico post con articoli e video.Sono tutti interessanti.
Bruno Tinti ancora una volta ci spiega il ridicolo sistema giudiziario italiano,le pene idiote.
Fa capire che non solo le rapine sono gravi ma anche la corruzione,l'evasione fiscale.Ci tolgono i soldi dalle tasche senza bisogno di puntare pistole e coltelli.
Nel blog di Beppe Grillo si parla dei quotidiani italiani e mi trova d'accordissimo.
Il corriere della Sera che compravo al sabato sopratutto per leggere il Magazine dove scriveva Milena Gabanelli (adesso non c'è più,stesso trattamento riservato a Carlo Vulpio?) ha dedicato pochissimo spazio alla condanna di Mills e in prima pagina ci ha piazzato le dimissioni di Veltroni.
Da leggere sopratutto gli articoli che vengono dall'Inghilterra e dagli Usa.
Lo dico in modo provinciale:mi è venuto duro quando ho letto questi articoli, da antitaliano provo solo godimento.
Un paese di marionette.Non potevo nascere inglese o americano? EVITATE DI COMPRARE I QUOTIDIANI E GUARDARE TG DI MERDA SULLE TV IN CHIARO da www.beppegrillo.it IL MILLSGATE E IL CORRIERE DELLA SERA Negli anni ' 70 il Corriere della Sera era nelle mani della P2.
Angelo Rizzoli, il proprietario, aveva la tessera 532, Tassan Din, il direttore generale, la tessera 534 e Franco Di Bella, direttore del giornale, la tessera 655.
Oggi, anno 2009, chi controlla il Corriere della Sera? Chi suggerisce gli editoriali di Panebianco e di Battista? Chi ha ordinato a Mieli di togliere le inchieste giornalistiche di Why Not a Carlo Vulpio senza alcuna ragione apparente? Chi è la P3 che governa il Corriere della Sera? Dov'è la nuova lista di Castiglion Fibocchi? Ieri, tutti i giornali del mondo hanno riportato la notizia della condanna di Mills.
L'avvocato corrotto da mister B.
Hanno spiegato che lo psiconano non è stato giudicato per il lodo Alfano.
Una legge che si è fatto su misura e che lo rende intoccabile.
Hanno argomentato che nessun premier sospettato di corruzione per evitare la condanna in due processi sarebbe ancora al suo posto in un Paese normale, democratico, occidentale.
Se non si fosse dimesso lo avrebbero cacciato.
Leggetevi El Pais, The Guardian, Le Figaro, The Herald Tribune.
La reputazione di un Paese è importante come e più della sua economia e noi l'abbiamo persa.
Se gli Stati Uniti hanno avuto il Watergate, l'Italia ha il suo Millsgate.
Se Nixon sospettato di corruzione avesse imposto al Congresso una legge per la sua impunità e il corrotto fosse stato condannato, Nixon sarebbe stato cacciato in due minuti.
Li [...]

Leggi tutto l'articolo