Free news

Si parla di nucleare e dell'accordo che l'Italia ha firmato.
L'80% dei cittadini piu cretini dell'Occidente ha voluto Silvio Berlusconi "IL CORRUTTORE" sperando che Mr 7 pescrizioni facesse gli interessi loro senza sapere minimamente chi sia perchè non gli interessa.
Con questa vergognosa decisione, si è avuto l'ennesima prova che il piduista pensa solo ai cazzi suoi.Il belpaese delle banane ha l'aria piu inquinata d'Europa e per migliorarla ci mettiamo le centrali nucleari perchè non bisogna mai fare passi avanti,ma indietro ,sbattendosene dei bisogni  della gente che è costretta a fare salti mortali per arrivare alla terza settimana del mese.
In Germania ovviamente sono piu avanti e preferiscono l'energia solare e i risultati sono straordinari (vi consiglio il libro VOGLIA DI CAMBIARE-SALVATORE GIANNELLA -CHIARELETTERE) Divertente ma utile l'intervento di Antonio Di Pietro ad una tv della Rai: l'accusa può denunciare il giudice se non gli va bene e farlo tutte le volte che vuole in modo da far passare anni e anni per fare arrivare la benedetta prescrizione.
Ah ah ah ,neanche nel Burundi la giustizia è cosi ridicola.
Pensate cosa si inventano per salvare il culo alla classe politica più vergognosa del mondo.Io mi sono sempre chiesto,ma quelli che,nonostante queste stronzate che danneggiano i cittadini, non si vergognano di essere italiano, cosa sono in realtà? Secondo la mia modesta opinione di operaio onesto che però sa più di uno che fa l'università (basta chiedere ad uno studente che fa Chimica di che cosa si parla in Italia in questo momento), i punti sono 3: 1) O è uno che sta bene al mondo perchè non capisce un cazzo 2) O è un furbetto anche lui che se ne approfitta del sistema marcio per vivere bene 3) E' uno che fa favori alla mafia.
COMUNQUE LASCIATE IN EDICOLA I QUOTIDIANI CHE NON DANNO NOTIZIE E EVITATE  DI SENTIRE I TG E GODETEVI ARTICOLI E VIDEO DI "UOMINI LIBERI" CHE NON CI STANNO A STAR ZITTI IN QUESTO PAESE DI PLASTICA   da www.voglioscendere.it RAISET LA GRANDE ABBUFFATA (Marco Travaglio) Le dimissioni di Veltroni e le convulse giornate del Pd, o di quel che ne resta, culminate nell’elezione di Franceschini a nuovo segretario, hanno oscurato una vicenda che forse meriterebbe qualche riflessione e spiegazione: quella del nuovo Cda Rai.
Non si vede perchè il Pd abbia partecipato all’ennesima abbuffata di poltrone in base alla legge Gasparri, anziché restarne fuori e battersi per cambiare la legge e departitizzare la Rai.
Ma c’è dell’altro.
Il vecchio Cda, nominato nel [...]

Leggi tutto l'articolo