Furto al bar «Trucillo» Presi soldi, liquori e caffè

Edizione SALERNO  11/01/2008 LADRI AL CARMINE Furto al bar «Trucillo» Presi soldi, liquori e caffè LUCIANA MAURO Casse intere di liquori, chili di caffè e tutto il residuo di cassa.
È il bottino (il cui valore non è stato ancora quantificato) sottratto dai ladri che all’una e trenta di notte, giovedì scorso, sono riusciti a penetrare nel bar Trucillo, in via Fabrizio Pinto, al quartiere Carmine.
Hanno scelto il sistema tradizionale: forzata e divelta la saracinesca, sono entrati e in pochi minuti hanno fatto piazza pulita.
Si presume fossero almeno in due, con un terzo eventuale complice a far da palo sulla strada, considerato che la zona è molto perlustrata, nelle ore notturne, dai VIGILANTES della Civis.
Ladri esperti, dunque, che in poco tempo e con grande abilità, hanno portato via quanto di più costoso potesse esserci nel locale, un accorsato bar molto frequentato dalle famiglie del quartiere Carmine.
A giungere per primo sul posto è stato il titolare dell’esercizio, svegliato in piena notte dagli agenti delle volanti, intervenuti subito sul luogo del furto.
Dei malviventi nessuna traccia, erano già riusciti a dileguarsi con l’ingombrante merce, messa al sicuro nell’auto che li attendeva fuori.
Anche il sistema d’allarme di cui è dotato il locale è stato messo fuori uso dalla destrezza dei malviventi, che hanno agito a colpo sicuro.
Trambusto e suono delle sirene hanno svegliato il popoloso quartiere, da tempo nel mirino della criminalità.
Scippi, furti, rapine, al quartiere Carmine continuano a verificarsi con cadenza quasi quotidiana.
I residenti lanciano l’allarme e chiedono, come in altre zone del centro, la presenza fissa dei poliziotti di quartiere.
Invasa dal traffico, caotica e popolatissima, la zona Carmine resta invece del tutto priva di tutela.
«Eppure è la più ambita dai malviventi - sottolinea un commerciante del quartiere - per la sua vicinanza all’autostrada e la possibilità, per ladri e rapinatori, di scappare facilmente prima di essere presi».
Si rivendicano, soprattutto di notte, pattuglie di sorveglianza fisse, che non attraversino soltanto la strada, fatta di traverse che s’intersecano (via Pinto è una di queste) piuttosto nascoste rispetto alla strada principale, dove c’è più possibilità di agire senza essere notati.
Negli anni scorsi molti anziani che abitano al rione Carmine sono stati scippati per strada.
Furti in negozi e appartamenti sono avvenuti anche in pieno giorno.
Una nota gioielleria della zona è finita per due volte nel mirino dei rapinatori [...]

Leggi tutto l'articolo