G20 a Londra, e proteste...

Salve a tutti, Mentre all’interno degli edifici del potere a Londra, i maggiori capi di stato e di governo si riunivano nel G20 per discutere del problema della crisi economica, la gente scendeva in piazza.
Essendo giorno lavorativo, chi protestava erano per la maggior parte studenti o disoccupati, o comunque chi ha orari flessibili di lavoro.
Nonostante ciò la partecipazione alla protesta è stata elevata.
La maggior parte delle persone era gente pacifica, purtroppo però c’era anche molta gente arrabbiata, e di conseguenza violenta.
Credo abbiate visto in TV la scena di coloro che tentavano di sfondare vetrine.
Se ciò non bastasse c’è stato anche un morto oltre a molti arresti.
I comportamenti violenti sono certamente da condannare, e ci sono molti modi di protestare per la crisi delle banche, senza però sfogare in maniera eccessiva la propria violenza senza controlli.
Va detto però, che la gente è veramente esasperata, se si pensa a tutti coloro che hanno perso il lavoro e non sanno che fare, o a coloro che hanno perso i risparmi di una vita.
Quindi si può essere critici verso questi comportamenti, ma ci si dovrebbe fare certe domande.
Se la gente arriva a fare certe cose, un motivo veramente grave ci deve essere.
Detto ciò possiamo solo sperare che le decisioni prese a Londra dal G20 siano assennate e che con regole più stringenti non si ripeta ciò che sta capitando.
Modesto.

Leggi tutto l'articolo