G8: promuovere la crescita

  notizie | tiscali | web   Ultimora Cronaca Politica Esteri Economia Lavoro Sociale Scienze Socialnews Interviste Photostory Rassegna Stampa Videonews Regioni Finanza Sport Spettacoli&Cultura Lifestyle Motori Tecnologia Viaggi Giochi Annunci Foto di gruppo al termine dei lavori del summit (Ansa)  Articoli correlati G8: accordo sulla crescita, l'Ue agisca I leader europei: il rigore nei conti pubblici e l...
G8, Obama e Hollande: "La crescita deve essere una...
Asse Monti-Obama, più sforzi per la crescita econo...
G8: "L'imperativo è la crescita e i posti di lavor...
G8, documento finale: "Imperativo promuovere crescita e occupazione", sconfitta la Merkel   Tweet   Commenta "Il nostro imperativo è promuovere la crescita e l'occupazione": il comunicato finale del G8 non lascia dubbi.
Si apre con un'affermazione che certifica la vittoria dell'asse Obama-Hollande-Monti.
Passa la linea di chi chiede all'Europa di affiancare una robusta "agenda per la crescita" alla pur necessaria azione di risanamento dei conti pubblici.
Se non proprio la 'grande sconfitta' di questo vertice, la cancelliera Angela Merkel - finora paladina e custode del rigore - a Camp David si è dovuta arrendere e prendere atto della fine dell'era 'Merkozy', quella dell'austerity estrema.
"Con Hollande e Monti si apre l'opportunità di un approccio comune per risolvere la crisi e i problemi dell'Eurozona", commenta uno dei più stretti consiglieri della Casa Bianca, con l'amministrazione Obama che sembra raccogliere i frutti di tanti mesi di pressing sul Vecchio Continente.
Pressing per mettere in campo misure più efficaci per ridare fiato alla ripresa, per non uccidere la flebile ripresa e scongiurare ripercussioni sull'economia a stelle e strisce.
Il discorso riprende a Bruxelles - Di crescita, ha assicurato Monti, parleranno i leader Ue nel cruciale vertice del 23 a Bruxelles, con il premier che ha inserito anche gli eurobond e i project bond tra le "piste concrete" da seguire.
In vista del Consiglio di fine giugno che sarà preceduto, ha annunciato il Professore, da un trilaterale a Roma con Francois Hollande e Angela Merkel per "concertare" le posizioni.
I leader del G8, al termine del summit, appaiono uniti come poche volte.
Anche perché con l'incubo del tracollo di Grecia e Spagna che incombe non ci può essere spazio per divisioni e contrasti.
I mercati guardano e sono in agguato.
"Non c'é crescita senza rigore", ha ribadito Merkel cercando di mantenere il punto, ma aggiungendo poi che con la nuova Francia di Hollande non ci sono grandi [...]

Leggi tutto l'articolo