GAFFES E LAPSUS A SFONDO SESSUALE

L'umorismo involontario delle gaffe e dei lapsus che riguardano persone famose ha sempre l'effetto di scatenare il sorriso.
Se poi riguardano, direttamente o indirettamente, la sfera sessuale, la reazione di chi ascolta è ancora più divertita.
Tra le gaffe televisive a sfondo sessuale, la più famosa di tutte rimane (e rimarrà) la frase "Signora Longari, lei mi cade proprio sull'uccello", che tutti pensano di aver sentito da Mike Buongiorno durante "Rischiatutto", il quiz cult degli anni '70, ma che lui (supportato dall'assenza di testimonianze video) dice di non aver mai pronunciato.
Ma fa mai ormai parte dell'immaginario collettivo della televisione italiana.
La più rivista in tv invece è di Antonella Clerici, che oggi si dibatte tra pentole e pietanze con "La prova del cuoco", ma che ha un passato da giornalista sportiva.
Qualche anno fa, la sua gaffe ebbe sia a "Blob" che a "Striscia la notizia" gli onori ripetuti della cronaca, ma, se non ricordo male, fu scoperta da "Mai dire gol".
Durante una trasmissione pomeridiana targata Rai, alla Clerici fu rivolta la domanda su quale fosse il suo rapporto con il calcio.
Lei rispose convinta di dire "Io senza il calcio non potrei vivere".
Peccato che un lapsus malevolo le fece sostituire le lettere "lci" con due zeta, lasciando il suo intervistatore con la stessa espressione di chi ha appena visto un gruppo di pinguini passeggiare il 15 agosto sulla spiaggia di Riccione.
La Clerici molto spiritosamente andò anche a fare "penitenza" per la gaffe a "Striscia la notizia".
Oggi, durante la telecronaca Sky di Inter-Udinese ho "intercettato" una gaffe di questa categoria che sono curioso di vedere se verrà ripresa, perché l'ho trovata, anche figurativamente, assolutamente esilarante.
Martina Maestri, vicina alla panchina dell'Udinese, risponde alla domanda fatta dallo studio: "Come l'ha presa Spalletti (allenatore dell'Udinese NDR)?" con riferimento alla seconda, strepitosa rete di Adriano che ha segnato dopo 65 metri di corsa palla al piede, superando 4 o 5 avversari (scusate il rigurgito interista...).
Risposta della Maestri: "Ha guardato tutti sconsolato e non gli è rimasto altro da fare che allargare le gambe".
Qualche secondo di gelo, poi si corregge: "ops, le braccia...".
Al di là del rammentare la vecchia frase di Woody Allen che diceva "Mentre voi di notte dormite, Freud lavora" e del fatto che mi sono ripromesso di non fare ironie su queste gaffe, l'immagine di Spalletti che si comporta come ha detto la Maestri mi ha fatto ridere per un bel po'.
Chissà se il "corto [...]

Leggi tutto l'articolo