GESU' NON SI VERGOGNA DI CHIAMARCI SUOI FRATELLI,E DI ANNUNZIARE CHE NOI SIAMO FIGLI SUOI.

GESU' NON SI VERGOGNA DI CHIAMARCI SUOI FRATELLI,E DI ANNUNZIARE CHE NOI SIAMO FIGLI SUOI.Sia colui che santifica sia quelli che sono santificati, provengono tutti da uno; per questo egli non si vergogna di chiamarli fratelli,dicendo:
«Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli;in mezzo all'assemblea canterò la tua lode»E di nuovo:«Io metterò la mia fiducia in lui».
E inoltre:«Ecco me e i figli che Dio mi ha dati».Ebrei 2:5 Difatti, non è ad angeli che Dio ha sottoposto il mondo futuro del quale parliamo; 6 anzi, qualcuno in un passo della Scrittura ha reso questa testimonianza:
«Che cos'è l'uomo perché tu ti ricordi di lui
o il figlio dell'uomo perché tu ti curi di lui?
7 Tu lo hai fatto di poco inferiore agli angeli;
lo hai coronato di gloria e d'onore;
8 tu hai posto ogni cosa sotto i suoi piedi
Avendogli sottoposto tutte le cose, Dio non ha lasciato nulla che non gli sia soggetto. Al presente però non vediamo ancora che tutte le cose gli siano sottoposte; 9 però vediamo colui che è st...

Leggi tutto l'articolo