GIANMARCO racconto (413) di Dino Secondo Barili

Intrigo … …a Pavia (Queste storie, anche se raccontate come vere, sono frutto di fantasia, pertanto non hanno  nulla a che vedere con persone reali o fatti realmente avvenuti) 413  Gianmarco L’Oltrepò Pavese è un vasto territorio in maggioranza collinare dove le persone hanno sempre avuto una vita dura in tutte le epoche e in tutte le stagioni.
Molti abitanti dell’Oltrepò, oggi, terminata la Scuola, cercano occupazione a Milano.
Anche Gianmarco ha avuto il suo primo impiego a Milano… molti anni fa.
A Milano ha incontrato Sofia.
Si è innamorato e si è sposato.
Di figli non ne sono venuti.
Il tempo è volato via.
Un anno fa.
Gianmarco è andato in pensione.
In tutta la sua vita ha avuto un solo pensiero.
Tornare al suo paese natale… incuneato nelle colline dell’Oltrepò Pavese.
Un luogo sperduto.
Difficile da raggiungere, ai margini di fitti boschi di castagno… dove erano rimasti solo pochi abitanti e dove nessuno si fermava.
Gianmarco, invece, aveva le idee chiare.
Il suo paese natio era il più bello del mondo e aveva tutte le qualità per essere conosciuto ed apprezzato.
Quando Gianmarco ne parlò con la moglie Sofia… successe il finimondo.
Sofia era facile ad andare in fumo.
“Ma come fai a farti venire in mente certe idee? Siamo a Milano.
Abbiamo tutte le comodità sottoscala… e tu pensi di andare a vivere in un luogo dimenticato da Dio e dagli uomini…Questa è pazzia pura.” Gianmarco, però, sapeva come prenderla.
La lasciò sfogare.
Le lasciò dire ciò che voleva …e poi faceva di testa sua (come fanno spesso le persone originarie della montagna).
Un mese dopo il pensionamento, Gianmarco aveva già messo gli occhi sulla casa “ideale”nel paese natio.
In realtà non aveva fatto fatica perché c’erano parecchie case in vendita che aspettavano l’acquirente.
Le famiglie residenti erano solo dodici in tutto…e l’unico posto frequentato era la “Vecchia Osteria del Cavallo Zoppo”.
Il vecchio Oste si lamentava in continuazione che gli affari non andavano bene.
Si lamentava… ma tirava avanti.
Gianmarco dopo aver fatto trasloco aveva preso contatto con l’Oste.
“Tu mi fai partecipe della tua attività.
Mi dai la possibilità di darti una mano nella gestione dell’attività…ed io ci metto “idee, iniziativa e lavoro”.
Il vecchio Oste era diffidente, come buona parte dei commercianti.
Tergiversò… ma di far partecipe Gianmarco non aveva alcuna voglia.
Diceva dentro di sé… “E se questo “milanese rimpatriato” ha annusato l’affare e mi taglia fuori? Difficile [...]

Leggi tutto l'articolo