GIORGIO ALMIRANTE

Almirante, educatore e guida politica (di Gaetano Rasi - Considerazioni finali di Primo Siena)   di Gaetano Rasi Attualità o inattualità del suo pensiero ? Intervento per la presentazione del volume: Franco Servello, ALMIRANTE, ed.
Rubbettino, 2008, presso la Fondazione Ugo Spirito - Roma 18 settembre 2008 Nel presentare questo libro di Franco Servello su Almirante, mi limiterò ad alcune annotazioni per grandi linee, non brevissime ma il più possibile sintetiche, al fine di lasciar spazio a qualche dialogo con gli amici del pubblico.
Dati i personaggi – l’autore, Franco Servello, per oltre un cinquantennio autorevole esponente politico italiano, più volte deputato e senatore, già vicesegretario vicario di Almirante e tuttora lucido interprete del suo tempo, oltre che valido giornalista, e il soggetto del libro, Giorgio Almirante, figura politica ed intellettuale di grande livello che ha dominato nel panorama italiano della seconda metà del Novecento, oratore, scrittore e giornalista di prim’ordine - credo si debbano fare anzitutto, due ordini di osservazioni: alcune di carattere oggettivo , ma estrinseche al contenuto del libro, ed altre di carattere intrinseco riguardanti la personalità e la materia trattata nel volume.
Le osservazioni di natura estrinseca riguardano: A) Il fatto che il libro esce nel ventesimo anniversario della scomparsa di Almirante nell’ambito di iniziative volte ad affermare, come è scritto in apertura del volume, l’attualità del suo messaggio.
L’on.
Servello è il Presidente del Comitato Nazionale “Almirante oggi” , costituito a tal fine; B) che tale pubblicazione avviene in una delicata fase preparatoria della fusione con il partito di Forza Italia, entro il nuovo partito Popolo della Libertà, di Alleanza Nazionale, erede del partito di Almirante.
Il che richiederebbe, ovviamente, una esame specifico circa la relazione tra l’attualità del suo messaggio che viene celebrato quest’anno e la coerenza con detta fusione; C) che il volume viene presentato al pubblico nei vari incontri che si stanno svolgendo in varie parti d’Italia, in una artificiale ripresa della vecchia polemica fascismo-antifascismo nelle analisi dei comportamenti odierni degli schieramenti politici e del governo.
Come si vede si tratta di fatti rilevanti sui quali non intendo entrare perché sono, appunto, esterni al contenuto in senso stretto del libro, anche se , sia pur indirettamente, essi sono destinati ad incidere nell’esame del saggio di Servello, proprio alla luce di quella valutazione [...]

Leggi tutto l'articolo