GLI INSULTI DEI MIRACOLATI DI ALEMANNO: “VENDOLA FROCIO COMUNISTA, ZINGARETTI NON VALE UN CAZZO” - PAROLE DI GIULIMONDI (CHE PONTIFICA PURE DA “RADIO VATICANA”) SULLA PAGINA FACEBOOK DEL NOTO MAGLIOCCA

PIGNATARO MAGGIORE - Sulle pagine Facebook che fanno riferimento al pluri-indagato e pluri-imputato Giorgio Magliocca, ex sindaco di Pignataro Maggiore (CE) ed ex consigliere provinciale, campeggiano i messaggi di tale Fabrizio Giulimondi, che annuncia suoi illuminati interventi alla “Radio Vaticana” e intanto lancia insulti all’indirizzo di Nichi Vendola (governatore della Puglia e leader di Sel) e Nicola Zingaretti (presidente della Provincia di Roma e prossimo candidato del centrosinistra alla carica di sindaco della Capitale).Giorgio Magliocca – soggetto che da consigliere provinciale in carica, tra il 2001 e il 2002, si incontrò più volte con il boss mafioso Lello Lubrano (genero di Lorenzo Nuvoletta), alla vigilia delle elezioni amministrative di Pignataro Maggiore – e Fabrizio Giulimondi non hanno in comune solo le apparizioni sulle pagine Facebook denominate “Giorgio Magliocca” e “Redazione Giorgio Magliocca”, ma furono pure entrambi miracolati dal sindaco di Roma Gianni Alemanno con un faraonico contratto da dirigenti (senza concorso, per chiamata diretta) a spese dei cittadini romani: costo complessivo annuo per Giorgio Magliocca 87.541,90 Euro; per Fabrizio Giulimondi 110.171,62 Euro.In data 25 luglio 2012, Fabrizio Giulimondi ha vergato un messaggio sulla pagina Facebook “Giorgio Magliocca” in cui definisce Nichi Vendola “frocio comunista”.
Sempre Fabrizio Giulimondi, sulla stessa pagina Facebook, ha scritto il 17 luglio 2012 che “Zingaretti non vale un cazzo” e il 19 luglio 2012 che perderà “perché, come mi ha riferito un suo collaboratore, è un fesso e scansafatiche”.
Chissà che cosa ne pensa la direzione di “Radio Vaticana”.
Quel che pensiamo noi di Magliocca (e di Giulimondi), inutile ripeterlo ai nostri (pochi) lettori.Rosa Parchi

Leggi tutto l'articolo