GP della Cina

GRAN PREMIO DELLA CINA Circuito “Wanii Changcheng” Concavo Lunghezza  6350 mt con saliscendi Larghezza media 20 cm Profondità media 10 cm Data 215 A.C.
circa   Partecipanti : 1.     Qin Sthe Vhe 2.     Ru Ghi Lin 3.     Ini Sam 4.     Tho Mas Pif 5.     Dit Ohn He 6.     Dha Ve Mag 7.     Fab Io Lha 8.     Nho Nho Wal 9.     Hun Fig Abor 10.
Rod Bar Rom 11.
Lha Hu Rha 12.
Ren Zho Rin 13.
Rho By Rin 14.
Liu De Sac 15.
Lho Ren Zho 16.
Mar Thin Per 17.
Mi Tom San 18.
Sa Sa Tas 19.
Rhi Ky Tes 20.
Fhi Lhi Pho 21.
Clha Ud Hio 22.
Shan Dro Arn 23.
Chi Tro Nhe 24.
Mhi Che Pin 25.
Lor El Mag 26.
Cio Nhy 27.
Bon Ri Nho 28.
And Rhe Ahn      Nell’agosto del 2007, mentre alcuni archeologi di fama mondiale scavavano nei pressi della Grande Muraglia Cinese alla ricerca del famoso esercito di terracotta, sono stati ritrovati alcuni scritti riportanti le gesta di alcuni appassionati biglioni cinesi.
Questi scritti, peraltro ancora tradotti in maniera molto approssimativa, raccontano di una gara di biglie (in cinese Pa Lhi Nhe) svoltasi durante la costruzione della famosissima muraglia, forse per ingannare il tempo, e valido per il “20° Campionato Invelnale di Pa Lhi Nhe”, la “Folmula Sthe Vhe 215/214 A.C.”.
     Sembrerebbe che per la costruzione della immensa pista, il costruttore giocatore Qin Sthe Vhe abbia lavorato per circa 250 giorni, ininterrottamente giorno e notte (festivi compresi), e che lo stesso abbia spostato circa 140 Metri Cubi di sabbia per una massa totale di 250.000 chilogrammi, con l’aiuto di pochi (in)volontari.
Non abbiamo la minima idea di quanta acqua sia stata necessaria per solidificare la pista e che razza di bolletta l’ente idrico cinese (Hela) abbia recapitato al bagnino Ven Thi Shette.
Quello che ne è risultato era comunque una pista immensa, visibile fin dalla Luna, muniti però di un potente cannocchiale.
Un’opera mai vista e che detiene tutt’ora il record di lunghezza di una pista per biglie.
     In tempi moderni è stato fatto uno studio tramite il “Pistometro” del Dott.
M.
Pinto laureato in filosofia epicurea, su quanto lavoro sarebbe stato necessario per una opera paritaria.
Il risultato, per certi versi sorprendente, è stato “E’ una pista per biglie…Controlla i valori inseriti”.
     Da quanto si riesce a capire dagli scritti, viene menzionata una futuristica ricognizione aerea con tecnologia “Sip”, documentazione purtroppo andata perduta.
Prima della gara svoltasi sotto una sole primaverile viene descritta [...]

Leggi tutto l'articolo