GRAVIDANZA

Quando ho scoperto di essere incinta, per me è stato uno shock vero, pesante, non era il momento giusto, non era programmato e non ci pensavo lontanamente.
Inoltre, non sapevo proprio a chi rivolgermi, visto che mi sono trasferita da un paio di anni nella città del mio compagno, e non avevo ancora un ginecologo di fiducia.
A proposito, se anche per voi è così, o se come me siete abbastanza a corto di soldi da spendere in ginecologi privati, vi suggerisco di andare dal vostro medico di base, che vi farà un'impegnativa o per il ginecologo della mutua o per una visita al consultorio.
Io ho scelto quest'ultima opzione, e devo dire che mi sono trovata benissimo.
Arrivata al consultorio, spaesata e spaventata per una esperienza che vedevo più grande di me, mi hanno subito messo a mio agio, visitata ed hanno compilato la mia scheda personale, dandomi tutte le informazioni che mi servivano e rispondendo a tutte le mie domande.
La mia è stata una gravidanza serena e stupenda.
Sono stati nove mesi in cui, a parte lo smarrimento iniziale, sembra la bimba mi avesse dato la carica.
Ero più concentrata, piena di voglia di fare e di energia, fisica e mentale.
questo anche perché mi sono da subito imposta di non vivere la gravidanza come una malattia, ma con quanta più naturalezza possibile, quindi ho camminato per chilometri per tutti e nove i mesi, ho mangiato quello che volevo cercando solo di non esagerare con le quantità, e mi sono concessa quegli extra di cui, statene certe, a un certo punto avrete voglia (io ha avuto un periodo in cui mangiavo praticamente solo cornetti Algida, poi c'è stato il periododei kiwi, poi quello delle chele di granchio...).
Insomma, la gravidanza dà qualcosa in più, non in meno, alla donna, e secondo me va vissuta assaporandone ogni attimo, e cercando di fare tutto quello che più piace. Io ad esempio ho letto tanto, ho dormito tanto, sono andata a concerti (all'ottavo mese sono andata al concerto di Gianna Nannini, bellissimo, anche la mia bimba ballava nella pancia), al cinema, tutte cose per cui dopo sapevo che non avrei avuto più così tanto tempo.
Basta non strafare.
Inoltre, ascoltando i saggi consigli della mia mamma, nell'ultimo periodo della gravidanza ho preparato una gran quantità di sughi, conserve, lasagne..., per usarli nel primissimo periodo, appena tornata a casa con la bimba, così da non doverci pensare troppo e potermi concentrare su di lei.
L'unica accortezza, oltre ovviamente a non bere alcolici e a non fumare: se dalle analisi del sangue che si fanno all'inizio della [...]

Leggi tutto l'articolo