GRAZIE DI CUORE AI GENEROSI. ARTICOLO PUBBLICATO DAL QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONA. PAPA FRANCESCO: Il vero amore non bada al male ricevuto. Gioisce nel fare del bene.

    Vaticano: dopo le docce, arriva il ‘barbiere’ per i clochard   IN SANCTA SEDES / ON 29 GENNAIO 2015 AT 18:08 / Il 16 febbraio, insieme ai nuovi bagni sotto il colonnato, sarà inaugurato un vero e proprio ‘salone’ dove i senza tetto, ogni lunedì, potranno usufruire del taglio di barba e capelli.
Dopo le docce sotto il colonnato del Bernini, i clochard che gravitano nella zona di San Pietro potranno godere di un altro bel servizio tutto per loro: una vera e propria barberia dove potranno usufruire del taglio dei capelli e della barba.
Come quella dei bagni, anche questa iniziativa è nata per volontà di Papa Francesco ed è stata realizzata grazie all’Elemosineria apostolica, l’organismo guidato dal polacco mons.
Konrad Krajewski, il “braccio di carità” del Santo Padre.
Lo stesso ‘don Corrado’ lo scorso novembre, dando la notizia delle docce, aveva annunciato l’intenzione di coinvolgere gli allievi di una scuola per parrucchieri per creare un salone, così da poter offrire di tanto in tanto, oltre alla doccia, anche il taglio dei capelli.
Potersi lavare e tenersi ordinati – diceva Krajewski – renderà infatti i “pellegrini senza tetto” meno vulnerabili alle malattie che si trasmettono con la sporcizia.
Secondo fonti vaticane – riferisce l’Agenzia Zenit –  la barberia sarà pronta per il 16 febbraio quando dovrebbero essere terminati anche i lavori di ristrutturazione dei bagni.
Taglio e barba si faranno di lunedì, giorno di chiusura dei negozi di barbieri, grazie alla presenza di volontari.
  Non seguono Gesù elite ecclesiali che disprezzano altri Sergio Centofanti - Radio Vaticana 29 gennaio 2015 ​ ​ ​ Non seguono la via nuova inaugurata da Gesù quanti privatizzano la fede chiudendosi in “élites” che disprezzano gli altri: è quanto ha affermato Papa Francesco durante la Messa mattutina presieduta a Casa a Santa Marta.Non privatizzare la fede Commentando la Lettera agli Ebrei, Papa Francesco afferma che Gesù è “la via nuova e viva” che dobbiamo seguire “secondo la forma che Lui vuole”.
Perché ci sono forme sbagliate di vita cristiana.
Gesù “dà i criteri per non seguire i modelli sbagliati.
E uno di questi modelli sbagliati è privatizzare la salvezza”:“E’ vero, Gesù ci ha salvati tutti, ma non genericamente.
Tutti, ma ognuno, con nome e cognome.
E questa è la salvezza personale.
Davvero io sono salvato, il Signore mi ha guardato, ha dato la sua vita per me, ha aperto questa porta, questa via nuova per me, e ognuno di noi può dire ‘Per [...]

Leggi tutto l'articolo