GRILLO:''CON LETTA RESUSCITATO BARABBA''. E ATTACCA:''DISPREZZATI 8 MLN DI VOTI M5S''

"Con il governo Letta il terzo giorno è resuscitato Barabba", questo il commento di Beppe Grillo su Facebook dopo l'annuncio della nascita dell'esecutivo guidato da Enrico Letta.
In occasione delle consultazioni del M5S, il presidente del Consiglio incaricato aveva concluso l'incontro con la delegazione Cinque Stelle citando Beppe Grillo che nello stesso giorno aveva puntato l'indice contro il 25 aprile: "è morto" aveva detto parafrasando una canzone di Francesco Guccini.
Enrico Letta aveva però chiosato: "Beppe Grillo dice che il 25 Aprile è morto.
Anche Dio è morto, ma Grillo non dice che dopo tre giorni è risorto..".DISPREZZATI I VOTI DEL M5S Il dissenso continua con un lungo intervento sul blog: "Più di otto milioni di italiani che hanno dato il loro voto al MoVimento 5 Stelle sono considerati intrusi, cani in chiesa, terzi incomodi, disprezzati come dei poveri coglioni di passaggio".
 "Un quarto degli elettori è di fatto una forza extra parlamentare" scrive Grillo ricordando che "lo scorso sabato la folla ruggiva, aveva circondato il Parlamento sui quattro lati, stava per sfondare.
Si era radunata spontaneamente.
Erano cittadini che si sentivano impotenti, esclusi da qualsiasi rappresentanza, da ogni decisione.
Persone che vivono sulla loro pelle e su quella dei loro familiari una crisi economica senza precedenti nella storia repubblicana".
Ora, invece, "i responsabili di quella crisi ora si pongono a salvatori della Patria senza alcun senso del pudore.
Ci ridono in faccia e mostrano il dito medio in segno di disprezzo, come Gasparri, al riparo delle loro scorte.
'Noi siamo noi e voi non siete un cazzo'.
Quanto pensate - domanda Grillo - che potrà tenere il ghetto in cui avete rinchiuso la volontà popolare? Sei mesi? Un anno?""Per il M5S solo scherno o silenzio.
Anche il silenzio del presidente della Repubblica del quale sono stati distrutti nei giorni scorsi i nastri delle conversazioni con Mancino", scrive Grillo sul suo blog dove spiega: "Le mail private di molti parlamentari del M5S sono state trafugate, foto, filmati, corrispondenze.
In un altro Paese sarebbe il primo titolo per giorni.
Se fosse successo al Pdl, a Cicchitto, Ghedini, Brunetta i giornali e i tg avrebbero gridato all'attentato alla sicurezza nazionale".''Il M5S subisce attacchi vergognosi ogni giorno da giornalisti prezzolati, attacchi furibondi che si sono intensificati dopo le elezioni.
Chiunque faccia parte del M5S, o anche si avvicini, è colpito sul piano personale e nessuno si indigna.
Per il Palazzo è normale che questi [...]

Leggi tutto l'articolo