GRILLO: "ITALICUM? RENZI E B. VOGLIONO FERMARCI. L'INFORMAZIONE È IL VERO CANCRO DEL PAESE"

  Giovedì 23 Gennaio 2014 ROMA - Beppe Grillo, leader del Movimento 5 Stelle, ha incontrato questa mattina la Stampa Estera a Roma, parlando di politica estera ma soprattutto di politica interna e del dibattito sulla legge elettorale. «La legge elettorale che stanno facendo 'questi due' (Berlusconi e Renzi, ndr) è per fermare noi che siamo la variabile impazzita», le parole dell'ex comico genovese. REDDITO DI CITTADINANZA «Il reddito di cittadinanza deve essere per tutti come hanno fatto in Svizzera.
Come lo paghi? Così come paghi le pensioni.
Con una riforma del Fisco che fai in dieci anni».
«Noi non siamo anti-europei.
Mi avete descritto come un razzista.
In questi momenti di crisi, ci dovrebbero ringraziare perchè abbiamo fatto da tampone a 'albe dorate'» e razzismo. ALLE EUROPEE DA SOLI «Non abbiamo idee nè di destra nè di sinistra.
Noi accordi con questi non ne facciamo perchè siamo stati eletti per mandarli a casa.
La politica delle coalizioni è preistoria».
«In Europa noi per adesso andiamo da soli, poi vedremo se c'è qualche gruppo tedesco o finlandese che condivide il nostro programma».
Così Beppe Grillo in conferenza presso la Stampa Estera a Roma.
Il leader del M5S critica poi un giornalista: «Lei ha detto 'coalizzarsi con altri partiti europei populistì.
Attenti con le parole, populista è un'offesa». IMMIGRAZIONE «Ora destra e sinistra si possono identificare sull'immigrazione.
È facile coinvolgere gli italiani quando non c'è il pane.
Da una parte c'è chi dice 'prima gli italianì; dall'altra parte c'è il buonista che dice 'venite tutti quà ma poi non abbiamo una lira per aiutarli e li abbandoniamo nei centri.
Poi ci siamo noi che diciamo sediamoci ad un tavolo e parliamo».
L'accoglienza dell'immigrazione «è una questione che dobbiamo spartire con l'Europa». COLPETTINO DI STATO DI NAPOLITANO «Noi abbiamo preso il 25% poi c'è stato questo 'colpettino di Statò di Napolitano che si è riunito con due persone una sera e fatto le larghe intese per bloccarci.
Ci vedono come una anomalia.
Dobbiamo avere a che fare con chi ti dice una cosa in faccia e poi ne vota un'altra». INFORMAZIONE CANCRO DEL PAESE «Il cancro vero di questo Paese è l'informazione.
Basterebbe una rete Rai normale, invece abbiamo una Rai con 13mila dipendenti che fa fare i lavori da società esterne ed ha tecnici sottoutilizzati.
Perde 250 milioni l'anno, 500 l'anno prossimo».
Così Beppe Grillo in conferenza presso la Stampa Estera a Roma.
«Forse si sta ammorbidendo perchè abbiamo il [...]

Leggi tutto l'articolo