Gaia sarà un poco meno gaia......

Il Tar giudica illegittimo l'affidamento del servizio idrico dall'ATO 1 a Gaia 22/02/2010 » Il Tar toscano ha reso note due sentenze sui conflitti che vedono contrapposti da una parte Geal spa (la società di gestione lucchese) e il Comune di Lucca, e dall'altra Ato 1 e Gaia spa, dichiarando nella prima illegittimo l'affidamento diretto del servizio idrico dall'Ato 1 a Gaia, e lasciando Geal quale padrona del territorio comunale lucchese, mentre la seconda sentenza impone scadenze abbreviate alle due società: 31 dicembre 2010 per Gaia (invece di fine 2029) e 31 dicembre 2011 per Geal (invece di fine 2025).
Gaia dunque, in base alla sentenza relativa al ricorso del Comune di Lucca contro l'Ato 1, è priva di legittimità giuridica.
La contrapposizione tra Geal e Gaia risale al 2004, quando l'Ato 1 Toscana Nord (in cui rientra territorialmente anche Lucca) aveva affidato il servizio idrico a Gaia spa, allora nuova società costituita da una parte dei Comuni dell'ambito, per una durata venticinquennale, quindi fino al 2029; Geal di conseguenza ha impugnato una serie di deliberazioni dell'Ato 1 nell'ambito della riorganizzazione del servizio idrico, in particolare la convenzione per la gestione del servizio e il suo affidamento senza gara a Gaia spa, facendo ricorso al Tar, il quale ha risposto che sulla base di leggi nel frattempo intervenute (il decreto Ronchi, numero 166 del 2009) Gaia non potrà continuare quello che svolge attualmente per l'Ato 1 oltre il 31 dicembre 2010, mentre Geal non potrà andare oltre il 31 dicembre 2011. Per visualizzare la sentenze del Tar cliccare qui e qui.

Leggi tutto l'articolo