Gallinari oltre 5.000 punti! E gli azzurri fanno l’en-plein

Tre vittorie su tre nella notte italiana in NBA.
Danilo Gallinari festeggia battendo Milwaukee i 5.000 punti in carriera, club in cui raggiunge Andrea Bargnani che con i suoi Nets centra a Houston la prima vittoria stagionale.
Marco Belinelli contribuisce a far ripartire i Kings dopo 6 sconfitte consecutive.
Denver Nuggets-Milwaukee Bucks 103-102 — Danilo Gallinari diventa il secondo italiano a superare il muro dei 5.000 punti in carriera (il primo era stato Andrea Bargnani) e pareggia il suo massimo stagionale a quota 25 punti, ma se può festeggiare con una vittoria dei suoi Nuggets lo deve a Kenneth Faried, che a 5” dalla fine raccoglie a due passi da canestro un forzatissimo tiro dell’azzurro e lo converte nel sorpasso definitivo su Milwaukee.
I Bucks si arrendono solo quando il tiro della disperazione di Middleton viene vomitato dal ferro, regalando a Denver la seconda vittoria consecutiva (4 vinte-4 perse in stagione) e condannando l’esuberante franchigia del Wisconsin al 2° k.o.
di fila (4-5).
É stata una partita folle: Milwaukee l’ha dominata tirando col 70% dal campo nel primo tempo; Denver l’ha ribaltata con un super terzo quarto, volando fino a un +13 che sembrava essere oro a 9’ dalla fine; riaperta dalla furia di Bayless (il migliore dei Bucks, con 14 dei suoi 22 punti nel 4° periodo) e chiusa definitivamente da Faried, tornato The Manimal nella ripresa (13 punti e 7 rimbalzi) dopo un primo tempo anonimo.
Gallinari è stato a lungo l’unica vera arma offensiva di Denver, con le perle della tripla che a 2’11” dall’intervallo lo porta nel club dei 5.000 e il terzo quarto da 11 punti.
Ma nel 4° periodo ha lasciato la scena a Mudiay, che ha chiuso con la 2a doppia e il massimo in carriera in assist (11).
Milwaukee, senza Parker (a riposo), Carter-Williams e Mayo (infortunati), arriva all’intervallo sul 64-53 col 70% dal campo e 8/11 da tre.
Ma Denver (che ha perso Wilson Chandler per l’intera stagione per un’operazione all’anca) ribalta tutto annullando i Bucks in un terzo quarto da 34-16 (con avversari tenuti a 6/15 al tiro) propiziato dai punti di Gallinari, col vantaggio che si dilata fino al 95-83 firmato Jokic a 8’53” dalla fine.
I Bucks però non si arrendono, trovano in Bayless l’uomo della svolta che li porta alla parità sul 98 con 1’54” da giocare.
Antetokounmpo (ripresa anonima dopo un solido primo tempo) firma il sorpasso sul 102-101 a 17” dalla fine, poi Faried mette una pezza all’errore di Gallo e Denver mette il naso avanti.
Stavolta definitivamente [...]

Leggi tutto l'articolo