Gay: reazioni alla battuta di Berlusconi

Ci sono gay che passano tutto il tempo a protestare e a manifestare.
Io, sinceremanete, preferisco passare il tempo a prenderlo nel culo da grossi cazzi piuttosto che perdere tempo in chiacchiere.
Comunque vi riporto le reazioni alla battuta del Presidente Berlusconi.
Dal Salone del ciclo e motociclo alla Fiera di  Milano, Silvio Berlusconi minimizza così sul ca so Ruby e attacca i media.
Ma è una battuta che coinvolge i gay a scatenare la bufera.  «Sono fatto così da sempre - spiega -: qualche volta mi capita di guardare in faccia una  bella ragazza, ma è meglio essere appassionato di belle ragazze che gay».
Berlusconi scherza e dice: «Ho un problemino, avrei da sistemare una certa Ruby in uno di questi stand....».
È così che il Cavaliere ne approfitta per dire «i giornali vi imbrogliano» e rassicura chi lo ascolta sul buono stato di salute del governo e sul fatto che i numeri per arrivare a fine legislatura ci sono.
A dispetto «degli attacchi che arrivano da parte di giornali ed editorialisti sul governo che non ha le idee chiare e non otterrebbe risultati, la realtà è che anche in quest’ultimo vertice europeo a Bruxelles abbiamo fatto un mare di gol» afferma il presidente del Consiglio.
Ma non solo.
A Milano il premier annuncia tra le altre cose che il governo ha intenzione di presentare di nuovo in Parlamento una legge sulle intercettazioni.
«Questo tema è nel cuore degli italiani: abbiamo dei sondaggi che lo dicono» spiega Berlusconi, anticipando che la legge si baserà su tre punti: «L’utilizzo di questo strumento dovrà essere limitato al terrorismo internazionale, alle organizzazioni criminali, alla pedofilia e agli omicidi; le intercettazioni non potranno essere prodotte come prove né dalla accusa né dalla difesa; chi pubblicherà il testo di intercettazioni dovrà subire un fermo del suo media da 3 a 30 giorni».
È però sulla battuta sui gay che si scatena la bagarre.
«La donna - dichiara Bersani riferendosi alle frasi di Berlusconi - è il dopolavoro del maschio, gli omosessuali sono da disprezzare e sui minori si ragiona così: li salvo dalla polizia per salvare me stesso, dopo li rimetto sulla strada».
Bersani si rivolge a tutti i parlamentari della maggioranza, Fli, Pdl e Lega, affinché mostrino senso di responsabilità per superare questa fase di crisi del governo provocata dai comportamenti di Berlusconi.
«Se qualcuno è responsabile ci dica qualcosa, noi siamo pronti a discutere».
Dure critiche al premier arrivano anche da parte del leader Idv, Antonio Di Pietro, secondo [...]

Leggi tutto l'articolo