Gaza footbal Club , Anno II, Dj

 Gaza footbal club    Finì dove la sabbia bisbiglia col mare  Loro verso per richiamare bimbi a giocareQuattro apolidi e un pallone sull'ultimo molo  Per sempre assolati dal cielo e oscuratidall'uomo   Acqua piatta, calma di chi ha nulla da dire  O per la colpa di chi sta solo a sentireMi aggrappai ad una sfera come altri ad un suono  Per restare umano sai ancora adesso lo sono      Due per campo palla al centro sull'oro di Palestina A tentare l'impossibile contro l'ignoranzaassassina  La luna traghetta i sogni da un giorno all'altro Per toccarla calciavamo palloni sempre più in alto Ultima radura di vita sul vuoto del precipizio  Colpa di sperare in un pallone ed un nuovo inizio  Quattro giovani che crescevano in fretta Ma troppo piano per il mondo che mai aspetta   I pescherecci al largo salutavano il torpore  Di chi predica il silenzio amplificando rumore Mani bagnate non d'acqua ma d'indifferenza Cercai d'afferrar futuro ma rimasi senza     Calciai il pallone un ultimo tiro sulla traversaDal cielo simboli blasfemi il non detto siriversa L'aria ci strappò i sogni senza tanti"se" In volo con i "quando" sotto l'ala dei"perché"     Volammo con la sabbia della terra di solo ieri  Senza domani che ironia per la patria dei profeti Planammo con le notti passate a contar falene I campi d'oleandri le teste vuote le bombe piene  Eppure torniamo i giorni di quiete che strilla  Portati dalle correnti d'un mondo che vacilla Palla al centro un fischio continuiamo la partita  Per chi non la vuol vedere e pensa sia finita    Fuori tempo intorno a un campo di fuoco e fiamme Narrati dalle ceneri eterni nelle correnti calde  Cielo nel buio diafano ce ne parli sereno  Di quattro stelle in più e non d' un sogno in meno Dj Pohnzi

Leggi tutto l'articolo