Giovanni Caprara, Il super test al CERN

Corriere della Sera > Scienze > L’italiana del Big Bang: «Non inghiottirò la Terra» IL SUPERTEST AL CERN L’italiana del Big Bang: «Non inghiottirò la Terra» Fabiola Giannotti guiderà 2.500 scienziati: «Cerco la particella di Dio» All'interno del super accelleratore del Cern di Ginevra (Ap) MILANO — «Non c’è d’aver paura: il nostro superacceleratore non distruggerà la Terra».
Non c’è incertezza nelle parole di Fabiola Giannotti, la ricercatrice italiana alla guida di Atlas, uno dei quattro esperimenti permessi dal nuovo Large Hadron Collider, il super acceleratore di particelle che si accenderà il 10 settembre al Cern di Ginevra.
Ma due americani si sono rivolti al tribunale chiedendo sia bloccato perché potrebbe creare buchi neri distruttivi.
I due non sono scienziati.
«È una paura ridicola — spiega Fabiola — perché in natura ogni secondo avvengono spontaneamente, grazie ai raggi cosmici che piovono dallo spazio, collisioni da cui si sprigionano energie miliardi di volte più elevate di quelle da noi ottenute.
E se riusciremo a generare buchi neri come una teoria ipotizza, questi saranno microscopici ed evaporeranno subito, nella frazione di un secondo».
Fabiola Giannotti, amante della musica e della danza (ma è un ricordo lontano), è cresciuta con la supermacchina che ora dirige e che, tutti aspettano, rivoluzionerà la fisica e la nostra conoscenza.
Corre in una galleria sotterranea e al suo interno viaggeranno nuvole di microscopici protoni che, scontrandosi, scateneranno un’energia straordinaria.
«Così — dice la scienziata — riprodurremo le condizioni dell’universo quando aveva appena 10 microsecondi dallo scoppio del Big Bang da cui tutto ha avuto origine.
Sarà un plasma formato da quark e gluoni con una potenza in gioco di 14 teraelettronvolt (14 mila miliardi di elettronvolt), la più alta mai ottenuta».
COINVOLTI 600 RICERCATORI ITALIANI - La storia dell’LHC è la storia di Fabiola e di una grande aspirazione materializzata.
«Avevo appena conquistato il dottorato all’Università di Milano nel 1990 quando entrai al Cern studiando uno strumento che sarebbe stato installato sull’esperimento Atlas».
L’impresa, per arrivare all’LHC, è stata lunga e gigantesca perché ha richiesto passi avanti nella tecnologia (come i magneti superconduttori costruiti da Ansaldo-Finmeccanica congelati a 271 gradi sotto zero), nella scienza e un robusto finanziamento di quattro miliardi di euro.
L’Italia partecipa attraverso l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) [...]

Leggi tutto l'articolo