Giulio di Sherwood

Da giorni, ovvero dalla sua presentazione a Francoforte in contesto europeo, ci chiediamo cosa ci sia di così clamoroso in questa Robin Hood Tax, che toglie a petrolieri e banchieri per redistribuire ai meno abbienti.
Ci sembra scontato che i soggetti nel mirino della nuova tassa del ministro dell'Economia Giulio Tremonti si potranno rivalere facilemente sui consumatori...
Ecco concretizzata questa considerazione sulla Lavoce.info, a firma di Little John (!): "Se (Tremonti) immagina una tassa sui barili venduti, rammenterei che nei corsi di economia del primo anno si insegna come le tasse sulla produzione possono essere trasferite a valle sui consumatori attraverso un aumento dei prezzi finali; e che tale spostamento è tanto pù facile quanto più consumatori esprimano una domanda inelastica, il cui classico esempio è la benzina.
E non basta, per evitare questo, fare la voce grossa contro gli odiati petrolieri." E i Little John condividiamo anche le osservazioni sul primo mese di operato del nuovo governo: "Il Ministro Tremonti sembra aderire con grande entusiasmo allo spirito di queste prime settimane di governo, secondo cui l'importante è stupire e colpire l'immaginazione più che risolvere i problemi.
"

Leggi tutto l'articolo