Giuseppe Morotti: Il marito, il padre e il prete che vive in me

Mi ricordo quei giorni.....
 
di Piero Murineddu
 
Ormai ho scordato quante sono le settimane estive di convivenza a cui ho partecipato presso la comunità dei Piccoli Fratelli a Spello. Non è esagerato dire che ogni volta, con la famiglia e all'occorrenza con altri amici,  contavo i mesi, le settimane e ancor di più i giorni che mancavano per caricare la macchina, prendere la nave e percorrere un bel po' di strada sul suolo "continentale" per arrivare nella cittadina umbra. Prima ancora, quando da Civitavecchia si prendeva il treno per arrivare a Roma e da lì proseguire per Assisi, il pernottamento era sempre nell'albergo davanti alla stazione ferroviaria. Comodità, per la vicinanza, e sopratutto economicità. L'indomani partenza per la meta prefissata, dove si arrivava giusto in tempo per il pasto comune, consumato nel chiostro di San Girolamo, centro della maggior parte delle attività settimanali dei tanti che avevano prenotato per tempo.
La foto, risalente ad oltre un ventenn...

Leggi tutto l'articolo