Gli USA paese di libertà... ma vigilata

Per entrare negli USA non saranno più sufficienti i vari controlli compresi quello dell'iride dell'occhio, le impronte digitali e molto altro ancora, infatti, il Dipartimento di Stato ha proposto un provvedimento che coinvolgerebbe quasi 15 milioni di persone ogni anno e che consisterebbe (per ottenere il visto per entrare nel paese) nell'obbligo di comunicare e depositare il proprio username di Facebook, Instagram, Twitter o altre piattaforme degli ultimi cinque anni, oltre, tutti i propri numeri di telefono per dare modo, alle autorità, di conoscere gli indirizzi mail utilizzati.
Quindi, se prevedete di soggiornare negli Stati Uniti per più di tre mesi o dovete richiedere un visto per studiare, lavorare o per un qualsiasi altro motivo, dovrete sottostare alle nuove disposizioni statunitensi. Provvedimento che allarma, giustamente, le organizzazioni che si battono per i diritti civili, come l'American Civil Liberties Union (Aclu), che ritengono queste misure una limitazione della li...

Leggi tutto l'articolo