Gli effetti del Quantitative Easing di Draghi: 60 miliardi al mese

Doveva partire quasi un anno fa l'operazione Quantitative Easing della BCE, cioè l'immissione sul mercato di 1.100 miliardi di euro ; 60 miliardi di euro fino al settembre 2016, ma quali effetti porterà? Il mercato finanziario, in verità non si sono mosse a questo annuncio ufficiale, in realtà più e più volte si era parlato di una politica monetaria espansionista di questo livello e addirittura la BCE aveva detto a fine primavera 2014 proprio di questi mille miliardi, ma ci sono voluti oltre 6 mesi per ufficializzare il tutto.
quantitative easing bce Ma quale sarà l'impatto per Noi cittadini sulla vita reale di tutti i giorni? Poco all'inizio, per non dire niente; nemmeno ce ne accorgeremo, si tratta di soldi che verrano spesi dalla BCE per comprare titoli di Stato, specialmente di nazioni in difficoltà come l'Italia, la Grecia, la Spagna ed il Portogallo, e con questi soldi cosa ci faremo? Forse i governi italiani riusciranno a mettere mano a progetti di infrastutture o di altro tipo che comunque implicano l'assunzione di personale, o di appalti, per far ripartire il mercato del lavoro, e più in generale tutta l'economia che ormai é tra la stagnazione e la recessione.
Funzionerà? Solo il futuro ce lo potrà dire.
Gli esperti non sono molto ottimisti, e dicono quello che pensiamo Noi: questa immissione di denaro fresco, si doveva fare prima, ora rischiamo che questi mille miliardi siano insufficienti e ce ne vogliano altrettanti.
Resta il fatto che tutta l'Europa ed in particolare l'Italia,  non ha risorse energetiche sufficienti, compriamo petrolio e questo é diminuito molto di prezzo, gli sceicchi assicurano che non arriverà MAI più oltre i 100 $ al barile e questo potrebbe essere un altro fattore determinante, insieme a questo 'Bazooka di Draghi' e all'inevitabile fine di un ciclo economico negativo,  per far riprendere a crescere la Nostra economia.

Leggi tutto l'articolo