Glossarietto 3

Nuovo Glossarietto (circa 40 termini nuovi), realizzato con gli otto sonetti già da me pubblicati: Belli, T1-0062, Se ne va Belli, T1-0064, La mala fine Mario Ferri, Perduto amore...
Trilussa, L'antiquario Trilussa, Li burattini - I Trilussa, Li burattini - II Trilussa, Li frammassoni de jeri - I Trilussa, Li frammassoni de jeri -II Glossario Abbasta Peraltro (Belli) Bastare, essere sufficiente [Ravaro] Belli, T1-0064, La mala fine: "’na bbotta, sarv’oggnuno, all’anguinajja.
// A ssangue callo parze ggnente: abbasta, / quanno poi curze er cerusico Mori," Ammalapena che Non appena Trilussa, Li burattini - I: "ch'è mosso da la mano der destino; // ma ammalappena ch'er burattinaro / se stufa de tenello in movimento," Anguinaja (lat.
inguinalia, neutro pl.
deriv.
dall'agg.
inguinalis, con sost.
della sillaba iniziale in- con an- per assimilazione) n.f.
Inguine (come in Dante, Inf., XXX, 50) [Vaccaro Ge, Voc.Rom.Bell.] Belli, T1-0064, La mala fine: "buscò da n’antra donna de la bballa / ’na bbotta, sarv’oggnuno, all’anguinajja.
// A ssangue callo parze ggnente: abbasta," A pennolone Penzolone.
(Trilussa).
Sospeso superiorment, libero di oscillare, di dondolare.
[Ravaro] Trilussa, Li burattini - II: "ar prete che je dà l'assoluzzione, / mentre l'eroe rimane a pennolone / vicino a li nemmichi ch'ha ammazzato." A ssangue callo 'Al momento (ma anche in senso lett.
'a sangue caldo') parve una cosa da nulla'.
(Belli) Belli, T1-0064, La mala fine: "’na bbotta, sarv’oggnuno, all’anguinajja.
// A ssangue callo parze ggnente: abbasta, / quanno poi curze er cerusico Mori," Bast’a ddí Basta dire.
'(per capire) che non potrebbe essere assistita meglio, basta dire che viene perfino il medico del rione'.
[Gibellini] Belli, T1-0062, Se ne va: "Oh, cquer che ssia la cura, va bbenone.
/ Bast’a ddí ssi ppò mejjo esse assistita, / che vviè er medico inzino dell’Urione." Bona notte, Gesù, ché l'ojo è caro! Finisce la commedia: dalla frase attribuita ad uno scaccino assai economo nell'atto di spegnere la lampada della chiesa.
[Trilussa] Trilussa, Li burattini - I: "se stufa de tenello in movimento, / bona notte, Gesù, ché l'ojo è caro!" Botta Colpo, percossa, urto; detonazione, esplosione; battuta ironica od offensiva [Ravaro] Belli, T1-0064, La mala fine: "buscò da n’antra donna de la bballa / ’na bbotta, sarv’oggnuno, all’anguinajja.
// A ssangue callo parze ggnente: abbasta," Ce lo rimetto Lo perdo Trilussa, L'antiquario: "così quer che guadambio ne l'Impero / ce lo rimetto sul Rinascimento.
// E [...]

Leggi tutto l'articolo