Golden Gala: domani si parte! L'attesa è tutta per Pichardo nel triplo

atleticanotizie: Domani al via il Golden Gala Pietro Mennea.
L'attesa è tutta per il fenomeno del triplo   Pedro Pablo Pichardo  venerdi arrivato a m.
18.08 ai Campionati Cubani .
A Roma lo attende l'argento olimpico Will Claye che a Londra 2012 si era messo al collo anche il bronzo del lungo.
Lo statunitense conosce bene la pedana di Roma dove ha vinto nel 2014, lo stesso anno che l'ha visto atterrare al personale di 17,75 a Sacramento.“Adesso penso di poter saltare 18,30.
Voglio vincere i Mondiali di Pechino e i Giochi Panamericani di Toronto, e saltare più lontano possibile”.
L'incredibile sembrava già successo il 15 maggio sulla pedana bollente di Doha.
Il giovane cubano e il campione olimpico Taylor sono arrivati entrambi oltre i 18 metri, mai successo prima in una gara di salto triplo.
Pichardo, campione del mondo junior nel 2012 e argento ai Mondiali di Mosca, ha vinto la sfida impossibile con 18,06.
Due centimetri più dietro, Taylor ancora non riesce a crederci, ma nessuno crede alle meraviglie dello sport finché non le vive, nella gioia o nello sconforto.
Pichardo si definisce un mix tra il mito di Jonathan Edwards (ne possiede la velocità) e le caratteristiche tecniche degli altri due triplisti che, prima di lui e Taylor, hanno superato i 18 metri: Kenny Harrison e Teddy Tamgho.
Nato a Santiago di Cuba quasi 22 anni fa, l’anno scorso aveva iniziato furoreggiando, prima di essere lasciato sei mesi in punizione dalla federazione cubana per aver interrotto il rapporto con la guida tecnica del responsabile federale.
Al rientro di quest’anno, 17,94 e 18,06 in otto giorni, uno in più dei sette della Creazione.
Poi l'ulteriore boom a 18,08 di ieri a L'Avana.
Il primato cubano migliorato in rapida successione, una nuova dimensione da numero uno.
Fisico non esagerato, un metro e ottantasette e 70 chili, caviglie come molle, anzi catapulte.
La propensione alla danza sulla pedana l’avrà ricevuta in dono dalla mamma, una ballerina? O dal padre, capace di 2,10 nel salto in alto? Per adesso la risposta è nei fatti del suo estremo Hop-Step-Jump.
Chiamatelo Pichard-Hop.
Leggi anche:

Leggi tutto l'articolo