Golden Gala, Tamberi terzo nell'alto vinto da Bondarenko

Nella splendida cornice del Golden Gala Pietro Mennea di Roma, non ha deluso la gara del salto in alto, che si prospettava di alto livello ed è stata emozionante con la vittoria dell’ucraino Bohdan Bondarenko davanti al sorprendente britannico Robbie Grabarz e un Gianmarco Tamberi capace di migliorarsi di 5cm rispetto alla prima apparizione stagionale all’aperto a Rabat.
Gara solida anche da parte di Marco Fassinotti, poi quinto.
Gara iniziata in maniera pulita per entrambi gli azzurri, che partendo da 2.15m si sono issati fino al 2.24m senza errori, proprio come Grabarz, mentre gli altri cominciavano a seminare qualche errore qui e là.
La grande condizione dell’ucraino Bondarenko si è intuita però già dai primi salti e dalla sicurezza nel non affrontare tutte le misure e si è evidenziata con due salti in grande facilità sia a 2.27m che a 2.30m.
A 2.27m infatti sia Fassinotti che Tamberi hanno commesso i primi errori, con il torinese che ha passato la misura al secondo tentativo, mentre il marchigiano ha superato l’asticella solo una volta messo con le spalle al muro.
Anche il forte qataregno Essa Mutaz Barshim ha passato la misura all’ultimo tentativo, trovando poi i2.30m troppo in alto per lui in questa serata romana.
La stessa misura è stata fatale anche per il torinese, mentre con un pizzico di fortuna è rimasta su l’asticella sul secondo tentativo di Tamberi, che così si è issato per la prima volta in questa stagione all’aperto oltre il muro dei 230cm.
Un errore in più in quella prova è costato il podio al talentuoso cinese Guowei Zhang, mentre uno in meno ha dato a Grabarz il secondo posto.
Tutto facile, fino a questa misura, per il saltatore ucraino, che sapeva di avere ancora un colpo in canna per mettersi dietro la concorrenza.
Con ancora molte settimane prima degli eventi europei ed olimpico, 2.33m si è dimostrata una misura ancora troppo elevata per chi è ancora in fase di carico e alla fine è stato infatti il solo Bondarenko a passare la misura, guadagnandosi la vittoria del più importante meeting italiano.

Leggi tutto l'articolo