Governo, Corte dei Miracoli

Oggi voglio fare una retrospettiva dei pasticci italiani.
Quando l'Italia doveva reperire soldi per soddisfare l'Europa, destra e sinistra si sono guardate in faccia e hanno pensato che mai e poi mai avrebbero potuto trovare quei soldi in maniera indolore.
Infatti non era pensabile fare tagli o imporre altre tasse perchè avrebbero perso elettorato e meno che meno potevano togliere le mani dalla cassa per lasciarvi il denaro necessario al momento.
Ed è lì che arriva il colpo di genio.
Il lavoro sporco lo farà un governo "tecnico" non interessato al voto che troverà il denaro necessario all'Europa.
Napolitano, sempre molto servizievole, chiama allora Monti che mette su una squadra di esattori.
Benissimo intervenire sulle pensioni dato che i pensionati non possono nemmeno fiatare.
Poi Monti vorrebbe intervenire sui "privilegi" di farmacisti, tassisti e notai.
Eh, no! I privilegi non si toccano! E così, visto che lo spread è sceso, e che il tempo è passato, si fanno nuove elezioni.
Bersani prova a fare un governo ma non ha i numeri.
Mai lasciare il campo ai 5Stelle che governerebbero, ma non si può.
Letta riesce a salire sulla poltrona ma Marchionne non è contento.
In tutto questo panorama è intanto apparso un personaggio che continuava a dire.
"Rottamiamo tutti.
Io so come fare per risolvere i problemi del paese".
 Il quadro politico è talmente confuso che Napolitano, ricattato, deve prolungare il suo mandato perché solo di lui ci si fida.
E, dopo che il personaggio in questione è riuscito a diventare segretario del PD grazie alle primarie pilotate da Berlusconi che nutre grandi speranze su di lui, dopo le ripetute assicurazioni a Letta che mai e poi mai sarebbe stato sostituito, Napolitano incarica il figuro di fare il nuovo governo.
Grande soddisfazione di Berlusconi che pensa di tirare a suo agio i fili della marionetta e più grande soddisfazione di Marchionne che vede finalmente realizzato un suo sogno.
Licenziamento dei lavoratori, assunzione a tutele crescenti, mano libera all'imprenditore.
Ma l'Italia non lesina le sorprese al suo pubblico, cioè al suo popolo.
Adesso le pensioni vanno reintegrate, le leggi che valevano per estromette Berlusconi dalla politica non valgono per De Luca, e vedremo quale altro sollazzo scaturirà da questa moderna Corte dei Miracoli di mentecatti che formano il governo.
Ma noi sappiamo bene che la politica altro non è che la presa d'atto delle modifiche nella situazione economica mondiale.
La cruda realtà è che il lavoro ha perso il valore economico, le masse oggi non [...]

Leggi tutto l'articolo