Governo Pd M5s, il totonomi: otto ministri al M5S e otto al Pd. Gualtieri o Reichlin in Europa

Otto ministri a M5S, otto al Pd.
Vicepremier Dario Franceschini, con delega ai Rapporti con parlamento, Luigi Di Maio alla Difesa, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Vincenzo Spadafora.
Agli Esteri due ipotesi: Pasquale Salsano (ambasciatore in Qatar) o Enzo Amendola (Pd), anche se non è tramontata ancora la scelta di Paolo Gentiloniche, in alternativa, potrebbe fare il commissario europeo.
Ancora: il bersaniano Vasco Errani alla Sanità; al Lavoro Nunzia Catalfo (madre del reddito di cittadinanza, M5S) o Graziano Delrio (se il ministero andrà al Pd).
Lo schema più accreditato, per ora, soprattutto dalle parti del Pd, è questo.
La richiesta di Luigi Di Maio di sostituire Matteo Salvini al Ministero dell'Interno viene ritenuta irricevibile dai Dem.
E d'altra parte con una formula diplomatica anche Giuseppe Conte ha fatto sapere che non è all'ordine del giorno.
Per questo per il Viminale si aprono due opzioni: se andrà al Partito democratico sono forti le candidature di Andrea...

Leggi tutto l'articolo