Gp Ungheria come ai vecchi tempi vince la McLaren, seconda la Ferrari

  Alonso perde una gomma, si rischia un altro grave problema.
Hamilton davanti a Raikkonen.
Miglior risultato della stagione delle Rosse con una sola auto per l'incidente di Massa in prova       Un pilota in ospedale in condizioni serie ma non gravi (Felipe Massa), un incidente sfiorato per una gomma persa (Alonso) dopo il pit-stop che ha vagato per la pista.
Il Gp d'Ungheria viene archiviato e tutti tirano un sospiro di sollievo pensando al lungo turno di riposo della Formula Uno: il prossimo Gp è in programma a Valencia il 23 agosto.
A Budapest sembrano tornati i vecchi tempi: vince infatti il campione del mondo Lewis Hamilton su McLaren davanti a Kimi Raikkonen.
Per le Rosse di Maranello è il miglior risultato dell'anno, ottenuto con una sola auto in pista.
LA GARA - Nella gara in cui lo spagnolo Jaime Alguersuari a 19 anni e 125 giorni diventa il più giovane pilota ad aver preso il via in Formula Uno, il connazionale Fernando Alonso scatta in testa dalla pole position.
Grande partenza di Raikkonen: il finlandese guadagna tre posizioni, ma viene posto sotto indagine dai commissari per aver cambiato traiettoria in avvio toccando la McLaren di Hamilton che a sua volta ha avuto un contatto con la Red Bull di Sebastian Vettel.
Il dramma si sfiora dopo il primo pit-stop all'undicesimo giro: la Renault di Alonso perde una ruota poco dopo essere uscita dai box.
La gomma vola ballonzolando sull'asfalto finendo fuori pista senza nessuna conseguenza per altre vetture.
Poi Alonso rientra nuovamente ai box per montare altri pneumatici, ma poco dopo si ritira e il comando passa ad Hamilton.
«Una gomma si è staccata, sono cose succedono in gara», ha detto lo spagnolo.
«Abbiamo avuto anche un problema con la pompa di benzina.
La vittoria sarebbe stata difficile, ma la terza o quarta posizione forse era possibile».
Al 18mo giro Raikkonen sfiora al collisione con Webber in corsia box dopo il cambio gomme.
Al 26° giro Vettel torna ai box per cambiare muso, ma tre giri dopo si ritira («Per il titolo mondiale ci sono tante gare e le cose cambiano velocemente»).
A metà gara Hamilton guida con 7" su Raikkonen e con McLaren e Ferrari ai primi due posti sembra di essere tornati agli anni scorsi.
Dopo il secondo pit-stop il vantaggio del campione del mondo sale a 17".
Le posizioni non cambiano: vince Hamilton, secondo Raikkonen, terzo Webber che recupera quattro punti nel mondiale su Button (settimo).
// //--> CLASSIFICA MONDIALE - Button 70 punti, Webber 51,5, Vettel 47, Barrichello 44, Rosberg 25,5, Massa 22, Hamilton 19 [...]

Leggi tutto l'articolo