Grecia: roghi estate 2018,20 incriminati

(ANSAmed) – ROMA, 5 MAR – La magistratura greca ha incriminato 20 persone per lesioni causate da negligenza, omicidio colposo e incendio per negligenza nell’inchiesta sui terribili roghi nella zona di Mati, sulla costa presso Atene, che nel luglio dello scorso anno causarono la morte di 100 persone e gravissimi danni.
Lo scrive Kathimerini.
Tra gli incriminati ci sono la governatrice dell’Attica Rena Dourou, il sindaco di Maratona Ilias Psinakis, quello di Rafina Evangelos Bournous (entrambi comuni della zona), l’ex capo dei vigili del fuoco Sotiris Terzoudis e l’attuale capo del corpo, Vasilis Matheopoulos, all’epoca suo vice.
Accusato anche l’ex segretario generale della Protezione civile Yiannis Kapakis.
Tra gli incriminati c’è poi un 65enne residente nella zona, autore del falò di sterpaglie e rami a Daou, sul monte Pendeli, dal quale sarebbe partito il mortale incendio.
Tutti rischiano fino a 5 anni di reclusione.