Grecia, la culla della civiltà, ma assente in Europa. Fino all'estate 2004

Pensi alla Grecia calcistica e subito pensi alle polisportive Olympiakos e Panatinaikos.
Le due corazzate elleniche contano 64 titoli di Grecia, 45 Coppe (sempre di Grecia) e 7 supercoppe.
Eppure, strano a dirsi, in Europa non hanno mai fatto valere il loro strapotere, fino alla Coppa dei Campioni 1970-1971 dove i verdi raggiungono la finale superando Jeunesse D'Esch, Slovan Bratislava, Everton e Stella Rossa con il complessivo di 16-8.
In finale gli ellenici trovano i lancieri dell'Ajax ma subiscono gol da Van Dijk dopo 5 minuti.
Haan all'84 chiude la gara nel più classico dei risultati.
Il calcio ellenico torna in letargo fino al 2004, anno degli Europei in Portogallo.
La squadra allenata dal tedesco Rehagel viene inserita nel gruppo A insieme ai padroni di casa, la Spagna e la Russia.
Contro ogni previsione la Nazionale supera il Portogallo all'esordio e pareggiano la seguente partita con la Spagna.
La sconfitta nell'ultima gara contro la Russia risulta ininfluente ai fini della cl...

Leggi tutto l'articolo