Guardie giurate in lotta per il nuovo contratto

Cronaca
17 maggio 2018
Guardie giurate in lotta per il nuovo contratto
Dopo lo sciopero del 4 maggio che ha avuto il 90 % di adesione ne potrebbe arrivare un altro con un impatto ancora più duro anche al porto e in aeroporto
di Gianni Favarato

MESTRE. «Senza contratto non c’è sicurezza» , recita lo slogan del volantino che annunciava lo sciopero delle guardie giurate, armate e non armate – indetto dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil – che il 4 maggio scorso ha visto percentuali di adesione del 80 o 90 %,, creando così gravi disagi o addirittura la mancanza totale della sorveglianza privata in aeroporto e nel porto veneziani.
Se in contratto della categoria non sarà rinnovato, arriveranno presto ulteriori scioperi, anche di otto ore, con un impatto ancora più negativo sui servizi offerti a passeggeri, compagnie aeree e armatori. Una volta si chiamavano metronotte e di vedevano circolare in bici per controllare la chiusura delle porte di istituti privati ed edifici p...

Leggi tutto l'articolo