Guerre latenti? Confessione reporter L'allarme del missionario Alex Zanotelli

Dicevamo "figli del mondo" quando mi sono posta il problema del gambiano arrestato, dopo essersi denudato in strada e poi tentato di violentare una donna a Roma, che chiedeva asilo politico. Pensavo come è possibile un'integrazione, una "rieducazione" culturale nella distanza di secoli (mentalità e benessere) che ci divide dalle culture arabo africane, tribali e medioevali.
 Regole, istituzioni e un modello di protesta, di sindacalizzazione, di conquista di diritti che dalla Cina all’Africa vengono, pian piano, oggi acquisiti cento e più anni dopo noi, prima grezzi e violenti, sono storie del mondo.
Ma tant'è, e senza vena polemica, scrivo automaticamente  in risposta ad uno scritto letto stamane, efficace  e  colorito invito al voto per "difendere e blindare le democrazie col doveroso compito di proteggere doveroso compito di proteggere noi, i nostri figli e i nipoti".  Perchè "Ogni altro distinguo e attenuazione 'buonista' è complicità". Per contrastare il "traffico di esseri umani ...

Leggi tutto l'articolo