Gustav Klimt

Uno dei primi artisti di cui vorrei parlare è Gustav Klimt (in particolare di alcune sue opere), uno dei tanti che amo più del latte caldo la mattina appena sveglia (con l'aggiunta, ovviamente, del famoso e immancabile Nesquik).
Gustav Klimt nasce a Vienna l 14 luglio del 1862 ed è ovviamente uno dei massimi esponenti del'Art Nouveau.
Tutti i fratelli maschi di Gustav (4 maschi e 3 femmine) manifestano come lui, capacità artistiche e infatti sono anch'essi pittori.
I primi dipinti risalgono al 1888 con ad esempio "Vecchio Burgtheater", ma io in particolar modo amo quest'opera "Pallade Atena" 1898 olio su tela, un quadrato di 75 cm.
Questo dipinto ha una cornice in oro, che ne esalta la bellezza, realizzata da uno dei fratelli di Gustav.
Colpisce l'anitesi data dall'armatura e i capelli rossi di Minerva che escono dall'elmo (Mascolinità VS Femminilità).
Notare al centro dell'egida, la raffigurazione del volto di Medusa.
"Nuda Veritas" del 1899, ne creò una prima versione (sx) nel 1898 realizzata con la tecnica litografica (del 1796 Alois Senefelder) che pubblicò nella rivista Primavera Sacra della Secessione Viennese.
« Non puoi piacere a tutti con la tua azione e la tua arte.
Rendi giustizia a pochi.
Piacere a molti è male » così si apre questo dipinto, una citazione del filosofo Schiller.
La donna dai capelli rossi raffigurata , protagonista indiscussa, in tutta la sua nudità tiene in mano uno specchio (Conosci te stesso) rivolto a chi guarda.
"Danae" 1907-1908 soggetto della mitologia greca: Danae fu fecondata nel sonno da Zeus (o Giove) trasformatosi in pioggia d'oro.
Rappresenta appieno l'eros.
"Vita e Morte" 1908-1911 Troviamo tutti i momenti salienti della vita: dall'amicizia all'amore, alla maternità.
La fisicità nodosa dell'uomo che si nota ispirerà i nudi di Egon Schiele (altro pittore che amo tra l'altro).
     

Leggi tutto l'articolo