HELLBLAZER – Il Fascino (In)discreto di John Constantine

  Diciamolo senza falsi pudori, John Constantine non è esattamente l’amico che vorremmo avere.
John è il più bastardo, cinico, amorale, manipolatore,  personaggio del panorama fumettistico internazionale e la serie Hellblazer, a lui dedicata, risulta la più longeva della linea Vertigo - DC Comics.
Tutto questo per un semplice motivo: John trasuda tragica umanità, fallibilità, stoltezza, furberia.
Attitudini che contraddistinguono ogni essere umano, qui accompagnate anche da una febbrile urgenza di vivere e sopravvivere.
Nasce a Liverpool negli anni ’50, da una madre morta troppo presto e da un padre alcolizzato costretto a spedire i figli (John ha una sorella più grande Cheryl) a Northampton dagli zii Dolly e Harry, dopo una condanna ricevuta per aver rubato biancheria intima da donna.
Antieroe per eccellenza, è privo di superpoteri e pieno di superproblemi.
John è un predestinato.
Discendente di una stirpe di stregoni (fato a cui non riesce o non vuole sottrarsi), a quattordici anni inizia a sviluppare un morboso interesse per l’occulto.
Cazzeggiare con la magia può essere una brutta cosa quando ti trovi demoni e creature assortite alle calcagna ma per John è uno stile esistenziale, una necessità ineludibile che caratterizza l’impossibilità di essere normale.
Cazzeggiare con la magia può anche salvarti la vita: affetto da un cancro ai polmoni (ebbene sì il ragazzo è un grande fumatore), riesce a promettere la sua anima contemporaneamente a tre Demoni Gerarchi dell’Inferno, con l’alternativa di guarirlo o scatenare una guerra tra loro   (Abitudini Pericolose - Garth Ennis, Will Simpson - pag.
156, Brossurato a col.
- € 12.00 MagicPress)  §§§  Critica politica ed indagine sociale si mescolano all’aspetto soprannaturale della serie: in un circolo esclusivo di Londra frequentato da notabili e nobili blasonati, in cui la perdizione e l’abbruttimento umano sono giustificati dalla aberrante convinzione che “da grandi tensioni derivano grandi sfoghi”, John interviene contrastando un demone  evocato per noia.
  (Sangue Reale - Garth Ennis, Will Simpson, David Lloyd - pag.
128, Brossurato a col.
- € 10.00 MagicPress) .
§§§  Un personaggio spiacevole e complesso, le cui vicende si legano indissolubilmente alla Londra moderna, luci ed ombre comprese, e nei cui modi ed atteggiamenti non può non riconoscersi parte dei vizi e delle miserie della società moderna.
Creato dal genio di Alan Moore nel 1985 sulle pagine Swamp Thing #37, guadagna nel  1988 la serie personale attualmente [...]

Leggi tutto l'articolo