Hai l'allarme anti-terremoto attaccato al muro? Bene, ora puoi attaccarti al tram

Al momento non sappiamo se sarà disponibile in ogni casa grazie al contributo del Ministero della Paura.
Antonio Albanese interpreta il Ministro della Paura In ogni caso non è il primo e non sarà l'ultimo.
Ma questo gode dell'appaggio di Finmeccanica, vale a dire del denaro dei cittadini contribuenti.
Sto parlando di SismAlarm, il sensore che con due tasselli si fissa a un muro portante di casa e, se intercetta un’onda primaria - quell’onda sismica che nei terremoti precede anche di 60 secondi quella distruttiva - di magnitudo superiore ai 3.2 gradi Richter suona e si illumina, consentendo a chi si trova in casa di uscire o di rifugiarsi sotto un tavolo.
Il dispositivo promette di svolgere anche un’altra funzione, la lettura dei danni: geolocalizzandosi tridimensionalmente, al momento dell’acquisto e dopo l’eventuale scossa, se rileva differenze anche minime nella sua posizione lo segnala, in modo che un rilievo tecnico possa evidenziare crepe o danni strutturali.
Per il bucato e le foto Kirlian, per ora, non è strutturato.
Ma siamo giovani e abbiamo una vita davanti: non disperiamo in future migliorie.Bene, ciò detto, il mio modesto parere tecnico è che si tratta di una minchiata.
Comincio dal riferimento al muro portante, che è quanto meno ambiguo o, per essere chiaro, non significa nulla: nella maggior parte delle case viene adottata una tecnica costituita da travi, pilastri e solette portanti.
Le mura, non casualmente dette tamponamenti, svolgono una funzione di puro riempimento e isolamento.
Fissare quell'aggeggio alla parete di casa senza sapere se un muro è portante, senza avere la planimetria, il calcolo del ferro (che è vibrazionale) e senza l'aiuto di un tecnico porterà, in zone sismiche, ad avere tali e tanti di quei falsi positivi da rendere assolutamente inutile il coso, nel bugiardino del quale vi sarà sicuramente scritto che non si assumeranno responsabilità per un uso improprio.
Proseguo con la geolocalizzazione che rileva differenze di posizione.
Potrà anche rilevare spostamenti di pochi centimetri, ma per un rilievo attendibile servono attrezzature ben più complesse di quelle che possono essere contenute nell'oggetto, e soprattutto molto più costose.
E se un pilastro si sposta di qualche centimetro non serve nessun apparecchio per accorgersene: bastano i muri sconquassati.
Concludo con l'affermazione avverte del pericolo 60 secondi prima.
E' una puttanata.
Il Δ di velocità fra onde P e S non è mai inferiore a 7 km/s, sette chilometri al secondo: significa che se ci troviamo in [...]

Leggi tutto l'articolo