I CONSIGLI DELL'EUROPA

Il Commissario UE agli affari economici, il finlandese Olli Rehn, ce lo ha spiegato in tutte le salse ancora prima del “cartellino giallo” sulla legge di stabilità: se vogliamo tornare a crescere con aumenti del Pil che non siano da prefisso telefonico, dobbiamo tagliare la spesa pubblica e ridurre le tasse sul lavoro.
Il suddetto ministro europeo da ex calciatore è un grande tifoso del nostro Cottarelli, il neo commissario alla “spending review”, che nei giorni scorsi ha dato un colpo di acceleratore al proprio lavoro e promesso che i risultati (dal taglio dei costi della politica a quelli della sanità) si vedranno già prima del prossimo mese di febbraio 2014.
L’obiettivo, secondo il Ministro dell’Economia, Saccomanni, è quello di risparmiare almeno 32/miliardi di euro in tre anni; ovviamente, speriamo caldamente che le cifre promesse siano mantenute dato che si parla da anni di tagli agli sprechi ma non siamo andati oltre le “intenzioni” e la spesa pubblica è continuata irresponsabilmente a crescere (tra il 2001 e il 2012 è aumentata del 50,1%), le Province sono ancora vive e vegete (e soprattutto spendaccione) e i famosi costi standard dei costi della sanità restano un miraggio.
Mentre quello che ho sopra narrato è l’andamento della spesa, il potere d’acquisto delle famiglie ha subito il calo peggiore dal 1990 e al tempo stesso la propensione al risparmio è al minimo da 22 anni e la disoccupazione continua ad aumentare, con un tasso del 40% per quella “giovanile”.
E in questo guazzabuglio di risultati mancati, lo Stato non ha trovato altro “rimedio” che aumentare la pressione fiscale che quest’anno toccherà il record del 42% (quasi 13 punti in più dal 1980) e colpisce salomonicamente sia i lavoratori che i pensionati.
Anzi, paradossalmente, sulle pensioni .- come rileva la Confesercenti – il peso del Fisco è addirittura più alto (a causa delle minori detrazioni) rispetto a quello sulle buste paga e il confronto con gli altri Paesi europei è addirittura impietoso; facciamo un esempio: per un assegno pari a tre volte il minimo, il pensionato italiano versa quasi 4/mila euro di imposte l’anno, mentre un tedesco ne paga solo 39 (trentanove!!) Ma non si scherza neppure con i lavoratori: il tanto celebrato “cuneo fiscale”  che secondo l’Ocse ha raggiunto il 47,6%, è veramente un controsenso rispetto all’aiuto promesso ai lavoratori.
Forse sarà per questo motivo che abbiamo i salari netti più bassi d’Europa (dopo quelli di greci, portoghesi e spagnoli) e un [...]

Leggi tutto l'articolo