I TUNNEL FERROVIARI SOTTO LA LENTE DEL VICESINDACO

Qualcosa torna a muoversi sul versante "tunnel ferroviari".
Stavolta è il Vicesindaco, nonchè assessore alla viabilità e trasporti, Claudio Monti a sollecitare Trenitalia a interessarsi dello stato di vergognoso degrado nel quale versano i tunnel cittadini, in particolare quello che collega via Di Vittorio a Borgolombardo.
Ecco alcuni passaggi dal "Cittadino" di oggi: "Sulle condizioni indecenti delle stazioni sandonatesi, partono alcune verifiche, con un sopralluogo che verrà effettuato stamattina alle 8 dai rappresentanti di Trenitalia insieme all’assessore ai trasporti Claudio Monti.
«Chiederemo – annuncia l’assessore -, che venga ripristinata una situazione decorosa e che siano fornite risposte alle esigenze dei passeggeri, anche attraverso verifiche riguardo il funzionamento delle telecamere».
Proprio nelle scorse settimane l’allarme è stato lanciato da alcuni dipendenti dell’Eni che hanno segnalato una serie di disagi legati alla scarsa illuminazione, a cui si aggiungono allagamenti, totale mancanza di pulizia, insieme ad una serie di altri problemi che coinvolgono i passeggeri.(...) L’assessore Monti ha annunciato che sul tappeto verrà posto il problema della stazione di Borgolombardo e del suo sottopasso, che da molti anni rappresenta un’area a rischio, che è stato anche più volte teatro di brutti episodi, come ricordano sia i residenti del quartiere di via Di Vittorio, sia i loro vicini della frazione sangiulianese, visto che entrambi i comuni ospitano gli accessi al corridoio sotterraneo.
Oggi si aprirà dunque un nuovo capitolo, che vedrà la giunta Dompé avanzare alcune richieste agli interlocutori ufficiali delle ferrovie, con l’obiettivo di restituire ai passeggeri un clima di decenza e sicurezza, con quei minimi servizi che vengono sollecitati a gran voce da chi tutti i giorni sale sui convogli che transitano nel Sudmilano.Giulia Cerboni" Speriamo che Trenitalia si renda conto della drammaticità dela situazione e vi ponga rimedio in tempi brevi.

Leggi tutto l'articolo