I bari – Michelangelo Merisi da Caravaggio

I bari è un dipinto ad olio su tela di cm 94 x 131 realizzato nel 1594 dal pittore italiano Caravaggio.
È conservato al Kimbell Art Museum di Fort Worth, che lo ha acquistato nel 1987 da un collezionista privato.
Il dipinto ha come soggetto due giovani che giocano a carte in presenza di un "baro" che appoggia l'imbroglione.
L'ambientazione è praticamente inesistente, luministica.
Caravaggio crea lo spazio illusorio che si protrae in profondità grazie alla posizione delle figure e del "backgammon" posto di sghembo sul tavolo che si trovano in prossimità dello spettatore, e grazie alle espressioni e alla gestualità che le legano.La scena sarebbe prevalentemente scura, se non fosse per una luce che proviene da sinistra e che avvolge i giocatori in un'atmosfera chiara e luminosa.
L'imbroglione è rappresentato di spalle, permettendo così allo spettatore di notare che sta estraendo alcune carte dalla tasca posteriore; dietro il tavolo c'è il giocatore; ancora più lontano si trova il "bravo", intento a spiare le carte del giocatore.
Notevole è la rappresentazione dei minimi particolari, tanto nel backgammon, frammento di natura morta, quanto nel guanto usurato del baro e nelle piume del copricapo dell'imbroglione.
Questa scena, così teatrale, descrittiva e realistica contiene tuttavia un monito morale, una condanna del malcostume, in particolare del vizio del gioco.
Non si tratta dell'unico monito contenuto implicitamente in un dipinto, un altro esempio è dato dalla Buona ventura, per quanto riguarda la condanna di coloro che vorrebbero venire a conoscenza della propria sorte non rispettando l'imperscrutabilità della volontà divina.
Il quadro godette di notevole fortuna e fu soggetto di numerose copie da parte degli artisti contemporanei, oltre a garantire notorietà a Caravaggio tra gli aristocratici romani: il committente fu, infatti, il cardinale Francesco Maria Del Monte, il cui stemma è dipinto sul retro.
Fonte: Wikipedia

Leggi tutto l'articolo