I beni della terra e i beni del cielo

Dal Vangelo secondo Matteo: (In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano.
Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.
La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso.
Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!»).
PAROLA DEL SIGNORE.
Fratelli, ecco a voi oggi il pezzo di Vangelo in cui Gesù ci insegna la corretta visione dei beni di questo mondo paragonati a quelli del cielo...
Commento a cura del Movimento Apostolico: (Oggi il Signore insegna ai suoi discepoli il retto uso dei beni di questo mondo.
Le cose della terra sono per il bene di ogni uomo.
La terra Dio non l'ha dato in possesso a pochi.
L'ha data all'uomo, ad ogni uomo.
Tutti devono potersi nutrire dei suoi frutti.
Tutto devono essere resi partecipi dei suoi beni.
La terra dona i suoi frutti ad una condizione: che l'uomo lavori il suolo con il sudore della sua fronte: "All'uomo disse: «Maledetto il suolo per causa tua! Con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita.
Spine e cardi produrrà per te e mangerai l'erba dei campi.
Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, finché non ritornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere ritornerai!»" (Gn 3,17-19).
Tutto ciò che l'uomo vuole trarre dalla terra, lo deve fare con il duro lavoro.
Il suolo non darà nulla da se stesso.
Nessun uomo dovrà essere schiavo del suo lavoro.
Il Signore non vuole che lui si lasci prendere dalla concupiscienza degli occhi e dalla bramosia del cuore: "Ricordati del giorno del sabato per santificarlo.
Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: non farai alcun lavoro, né tu né tuo figlio né tua figlia, né il tuo schiavo né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te" (Es 20,8-11).
Il riposo nel giorno consacrato al Signore è obbligo di riconoscenza e di vera adorazione.
Poste le condizioni per un onesto, giusto, santo lavoro da parte dell'uomo, può lui accumulare quanto il suolo gli produce con la benedizione di Dio oppure deve dare ai suoi fratelli quanto è di più, o supera il suo fabbisogno quotidiano? Deve [...]

Leggi tutto l'articolo