I conti col passato...

...cccp nelle orecchie..."Io sto bene"  l'aveva sentita minimo un centinaio di volte ormai...aveva fatto da colonna sonora ad una chiacchierata virtuale con un amico reale,di vecchia data.. tieni presente quelle persone che nonostante l'impossibilità della situazione ,hanno significato qualcosa?..Beh..lui..lui era stata una persona importante..e dopo tanti anni leine aveva riscoperto il fascino..di giusto un anno più piccolo ma pieno delle qualità che lei nove anni prima desiderava in un uomo..in un uomo poi...erano tremendamente piccoli quando tra di loro nacque quello strano feeling...no...lei,Giulia,sapeva già dall'inizio che non si sarebbe mai realizzato nulla di concreto con lui..ma per un po' aveva voluto crederci...era piccola,non era stata mai amata..e desiderava ardentemente regalare il suo primo bacio...Queste le cose che Giulia ricordava mentre scriveva stupidaggini varie al vecchio amico..dopo nove anni le cose erano felicemente cambiate..ma il parlare di nuovo con lui le riportò a galla la sofferenza che aveva provato tutte le volte che all'uscita di scuola trovava i fidanzati delle amiche pronti a coccolarle per qualsiasi motivoe tutte le volte che si sentiva sola,incompresa...brutta.Aveva desiderato amare ed essere amataPer tanti anni..Aveva creduto anche che non avrebbe mai vissuto quell'esperienza..Si sentiva inspiegabilmente negata per l'amore e lontana dall'amore stesso..nonostante fosse,l'amore, al centro dei suoi pensieri..(com'è normale per una ragazza di sedici anni)Fu lui...Dario,  senza neanche mai baciarla..
A  ridarle una piccola speranza..si incontrarono in una di quelle gite organizzate dalla scuolaarrivarono al punto di viaggiare in pullman abbracciati..si piacevanoma non volevano andare oltre..si sostenevano in un momento criticosapevano che se avessero voluto avrebbero vissuto una delle esperienze desiderate..ma si rispettavano troppo..per prendersi in giro..
  Dopo nove anni,ed una stima profonda,almeno da parte di Giulia, quei ricordi sembravano bazzecole..
Dopo aver terminato la chiacchierata virtuale,Giulia si chiuse in bagno e si accese una sigaretta..Proprio come faceva a sedici anni,quando i suoi non sapevano ancora  che lei si sentiva donna perché fumava..E fumava affacciata alla finestra del bagno..Soffiando al vento che si colorava di grigio,un grigio che si diradava a poco a poco ..L'ingenuità le faceva credere che i suoi non l'avrebbero mai scopertaMa la storia la conosciamo tutti..Arriva il momento in cui devi fare i conti con i tuoi anni e le tue decisioni..e [...]

Leggi tutto l'articolo