I diritti di accesso a file e directory.

Per modificare i diritti di accesso a file e directory si usa il comando chmod.
La sua sintassi è la seguente: chmod chi azione cosa nomefile dove: - il parametro 'chi' può essere u (user, utente), g (groups, gruppo), o (others, altri), a (all indica contemporaneamente i tre tipi di utente).
- il parametro 'azione' può essere + (aggiungere), - (togliere) e = (assegnazione).
- il parametro 'cosa' può essere r (read, lettura), w (write, scrittura), x (execute, esecuzione per i file, accesso per le directory).
- il campo 'nomefile' è il file o la directory oggetto del cambiamento.
Per aggiungere accesso, lettura e scrittura a tutti gli utenti nella directory "home", il comando è: chmod a+rwx home che significa "aggiungi (+) a tutti gli utenti (a) i diritti di lettura (r), scrittura (w) e accesso (x) al file home".
Come segnalato da Jaku, se volete cambiare i diritti non solo ad una cartella ma anche a tutto il suo contenuto in modo ricorsivo potete utilizzare l'opzione -R, riprendendo l'esempio di prima per la cartella "home" digitare il comando: chmod a+rwx home -R Supponiamo di voler rendere il file "esempio" leggibile a tutti e scrivibile solo dal proprietario, bisogna digitare da shell: chmod a+r esempio chmod u+w esempio oppure chmod a+r,u+w esempio oppure chmod a=r,u=w esempio dove le virgole senza spazio separano i permessi di classe.
La differenza tra 'a=r' e 'a+r' è che la prima assegna a tutti gli utenti i diritti di lettura mentre la seconda aggiunge i diritti di lettura sempre a tutti gli utenti.
Se volete rendere il file "prova" eseguibile da tutti gli utenti digitate: chmod a+x prova Se volete rendere il file "prova" visibile e scrivibile solo al proprietario digitate: chmod g-rw,o-rw prova Emanuele

Leggi tutto l'articolo