I lati della politica

Ce l'ho col Renzi perché mi ha causato la sindrome del 'foglio bianco' – che so che farà felici molti di voi, miei scarsi lettori, ma me lo dite come faccio, diversamente, a tenere in esercizio i pochi neuroni attivi che mi sono rimasti? In breve: non si sa più che dire e brontolare e indignarsi con uno che ti abolisce il Senato (dice di farlo), promuove il 'Jobs Act' (maledetta Albione che dilaghi nella lingua dove 'il si suona'), striglia l'Europa (a parole) e le manda a dire che 'Basta rigore! ora si promuova la ripresa.' Il tutto in quella sua lingua tos'ana così accattivante e simpatica che, chissà perché non son nato da ventre di donna fiorentina o senese.
Si è vero che il 'Jobs Act' flessibilizza ulteriormente il già flessibilissimo giunco del nostro sistema datoriale (di chi dà lavoro) e promuove il nero e rende permanente il precariato (la quadratura del cerchio) e rende le pensioni e le contribuzioni pensionistiche vocaboli desueti che i nostri nipoti chiederanno ai loro padri: 'Papà, papà.
Che vuol dire 'andare in pensione?' e quelli, di rimando, masticando amaro: 'Era il nostro sogno di mezza estate, figliolo.
Lavora! 'ché i nostri vicini cinesi hanno già consegnato due camions di vestiti, stamattina.' Però nell'immoto mondo della politica berlusconiana e post tutto questo frenetico muoversi e dire del Renzi e 'andar veloce' solleva polvere e fumo, ne converrete, e sembra che le cose cambino davvero e la ripresa economica sia alle porte e si veda l'auspicata 'fine del tunnel'.
Vedremo quando la polvere sedimenterà e il fumo si disperderà se 'qualcosa è cambiato' (bellissimo film, procuratevelo).
Per il momento resto fedele al verbo grillino che 'fa le pulci' e pungola il mal agire e poco fare dei proclami renziani.
C'è bisogno di una scossa, in questo c....
di paese e il Grillo ha scosso da par suo e tuttora scuote gli olivi renziani per mostrare che son vuoti di olive.
E una bella scossa la riceverà anche l'Europa immobile dei trattati e delle convenzioni – se è vero quel che dicono i sondaggi sulle percentuali attribuite alle destre.
E ancora mi perseguita il dilemma: 'Ma Grillo sarà di destra o di sinistra?'.
Forse bisognerà inventare un altro lato della politica per definirlo, ma me ne farò una ragione, se mi imputeranno di non essere più di sinistra.
'Ci sono più cose in cielo e in terra....', vedi mai che anche Shakespeare si dicesse un rivoluzionario o un conservatore, ai tempi suoi.
http://youtu.be/SzUoAfcyPsk Giorgio Gaber - "Destra-Sinistra" canzone ironica del grande [...]

Leggi tutto l'articolo