I mille volti del rustico

Metti un annuncio accattivante per la vendita di un rustico, aggiungi un prezzo basso e così finisce che stimoli curiosità e fantasia nei potenziali acquirenti; trascorsi due anni e dopo la selezione di circa 20 clienti,  all'inizio dell'estate appena trascorsa, finalmente ottieni il risultato, cioè il compromesso.
E' stato un lavoro impegnativo e lungo, ma soprattutto interessante sotto il profilo professionale: dai circa venti clienti che hanno visitato il rustico si sono manifestate almeno 6 o 7 idee diverse per l'uso di quell'immobile circondato da circa 15.000 metri quadri di terreno agricolo.
Ho incontrato chi voleva insediare un allevamento di pecore,  e chi un allevamento di cani, per finire alla organizzazione di una fattoria didattica con tutti gli animali da cortile e da compagnia; ma si è anche valutata l'ipotesi di realizzare un maneggio con scuola di equitazione; un imprenditore dell'autotrasporto voleva trasformare il cortile in parcheggio per suoi 20 camion, ed un ristoratore ha valutato la realizzazione di un agriturismo con locanda.
A tutti si sono fornite le informazioni sulla compatibiltà urbanistica ed edilizia per i loro possibili progetti: alcuni erano impraticabili ed altri, seppur praticabili, si sono rivelati sogni di una notte di mezza estate.
Alla fine il rustico avrà una destinazione normale, ordinaria, quasi banale: ospiterà tre abitazioni di un nucleo famigliare largo ma unito.

Leggi tutto l'articolo