I monumenti di Roma

I monumenti di Roma E gli agi della vita Ho inteso jeri a di da quer somaro Der falegname, da Padron Cremente, Che a Roma er pane, er vino, tutto è caro, Ch'er Municipio nun fa n'accidente.
Ma che Roma ha bisogno, frater caro, Delle case e der pane? ma la gente Nun cià li colonnati pe riparo? E poi l'antichità nun so più gnente? ...
C'è un impiegato ch'abbita in soffitta Vicino a Ghetto a casa d'un Ebreo la quale all'impiegato la riaffitta: Bè, quanno ha fame, pe li contorni Gira der tempio in Pace o ar Culiseo E sta senza magnà pe due o tre giorni.
Augusto Marini 1871 Da: Cento sonetti in vernacolo romanesco, Perino 1877, pag.
30

Leggi tutto l'articolo