I sogni non sono soltanto illusioni

Non tutti i sogni vengono per nuocere.
È da qui che ci si può trasformare in scrittori e liberare su carta il desiderio più profondo della nostra vita.
Quello che spesso viene strozzato dalla paura, ma il cui perseguimento rappresenta la vera ragione per cui siamo al mondo, al punto che rinunciarvi conduce alla depressione.
Son sufficienti dieci minuti di silenzio assoluto, merce rara ormai persino ai funerali.
La penna che scorre sul foglio.
Si respira un’atmosfera magica di sforzo allegro.
Ecco alcuni di questi pensieri espressi da anonimi di sesso e età diversi : costruire con coraggio le gambe ai sogni che in fondo ancora ho.
Passare la vita in pace con me stesso e la donna che amo.
Non cerco la notorietà, solo l’amore.
E speriamo che in questa vita l’Inter vinca la Coppo dei campioni.
Laurearmi a quasi 54 anni e poi insegnare.
Non aver paura del giudizio della gente, così le vorrei più bene.
Educare i bimbi degli altri in un asilo e averne uno mio con la persona giusta.
Riuscire a rispondere alla domanda: perché è successo proprio a me? Fare il pianista di piano bar.
Superare il muro che mi impedisce di sentire e vedere dentro e fuori di me.
Vivere in pace con chi mi sta vicino, abbassando l’aggressività.
Contribuire all’incremento della bellezza.
Ricomprare la bicicletta che avevo da ragazzo.
Liberarmi delle mie paure e lasciare la mia ragazza.
Dedicarmi più agli altri per essere più serena io, ma è faticoso.
Sdraiarmi su un prato di montagna e osservare le nuvole in cielo.
Un compagno che mi sappia ascoltare e non mi rimproveri sempre dicendo che non valgo niente.
Dormire sereno e sognare.
Esprimere quel che penso col mio basso elettrico e la matita.
Fotografare il mondo e raccontarlo a tutti.
Amare gli animali e dare loro un po’ di paradiso in terra.
Inventare giocattoli per ragazzi/adulti.
Trovare il “deposito sogni”, perché i miei li ho esauriti e vorrei prenderne un po’.
Che nessuno mi chiedesse più: FRA UN BAMBINO E UN CANE CHI SALVERESTI? Smentire chi crede che l’amore sia solo un sogno dell’adolescenza.
Recuperare il rapporto con mia madre, perdonare mio padre e togliermi di dosso questa perenne malinconia.
Vorresti sapere il mio sogno? E io non te lo dico!.
Non avere in risposta alle mie domande : niente, perfetto, un attimino, non c’è problema… Che ai bambini piacciano le strade più faticose, come tifare Toro.
Capire cosa ci sto a fare qui.
Smettere di sognare.
Vedere i dirigenti di certe aziende condannati a spiegare il significato dei loro glossari anglofobi e [...]

Leggi tutto l'articolo