I tagli al Patronato e le inefficienze dell'Inps

Le traversie dei lavoratori dello spettacolo e dello sport  e le inefficienze dell’Inps di Fulvia Colombini I lavoratori dello spettacolo (attori, musicisti, cantanti) e sportivi professionisti, calciatori ed altri, fino a qualche anno fa versavano i propri contributi presso un Ente Previdenziale a loro dedicato: l’Enpals provvedeva a liquidare tutte le prestazioni spettanti e in particolare le pensioni, che venivano e vengono tutt’ora calcolate con modalità del tutto particolari in considerazione del tipo di lavoro svolto.
Questi lavoratori hanno rapporti di lavoro estremamente discontinui, con diversi datori di lavoro, che spesso cambiano nel corso dell’anno; pensiamo agli attori che vengono scritturati dai teatri per le varie stagioni, agli attori di cinema e di televisione, cui vengono assegnati ruoli di  comparse o di caratteristi, ai musicisti che vengono ingaggiati per le stagioni estive, per le feste, sulle navi, ma nonostante tutte queste complicazioni legate al lavoro, potevano contare su prestazioni previdenziali puntuali, in particolare nel momento agognato in cui si raggiunge il diritto a pensione.  Come è noto, da alcuni anni, l’Enpals è stato assorbito dall’Inps perché, giustamente, si sono voluti semplificare gli istituti previdenziali in Italia; si ricorderà che anche l’Ente per i dipendenti pubblici ex-Inpdap è stato assorbito dall’Inps.  Da quel momento, purtroppo, sono cominciati i guai previdenziali per i lavoratori dell’ex Enpals: pensioni non liquidate, opzioni donna che aspettano i conteggi da due anni, reversibilità che non vengono pagate, enormi ritardi per qualsiasi risposta e, soprattutto, nessuna forma di assistenza da parte dell’Inps.  Tutto questo avviene perché l’Inps ha deciso di colpo di integrare le posizioni previdenziali di tutti questi lavoratori, utilizzando, per i conteggi, le stesse procedure informatiche che vengono usate per tutti gli altri lavoratori dipendenti, disperdendo le professionalità preesistenti all’interno dell’Istituto.
Peccato che le procedure generali per loro non funzionino e si rivelano del tutto inadeguate e non attendibili.
Come Patronati riceviamo nei nostri uffici centinaia di persone preoccupate di non poter ottenere quanto spetta loro.  Stiamo seguendo e sollecitando settimanalmente all’Istituto centinaia di pratiche che non sono state evase, che sono state ingiustamente respinte, che sono sbagliate e dietro le quali ci sono donne e uomini che attendono di ricevere un reddito, al quale hanno diritto ma che non [...]

Leggi tutto l'articolo