I telescopi - La messa in stazione

La messa in stazione
E' l'operazione necessaria per orientare l'asse del telescopio verso il polo celeste
Il grande vantaggio della montatura equatoriale nei telescopi consiste nel permettere un controbilanciamento della rotazione terrestre con un solo movimento costante.
Ma per usufruire concretamente di questo rimarchevole vantaggio è necessaria la "messa in stazione", cioè il corretto puntamento dell'asse di rotazione dello strumento verso il polo celeste.
Una volta individuato il nord e la Stella Polare, che si trova a circa tanti gradi dall'orizzonte quante la latitudine del luogo, si possono applicare vari procedimenti.
Il più semplice e immediato consiste nell'orientare l'asse orario verso la Polare "ad occhio".
Così l'errore commesso è quasi sicuramente notevole, ad esempio di 4 o più gradi. Ma questo non è un grave inconveniente se ci si accontenta di "gettare un'occhiata" sugli astri più brillanti o per mostrare la Luna o Saturno agli amici.
Il metodo, immediato nell'applicaz...

Leggi tutto l'articolo