IL BISCIONE DEI VISCONTI di Teresa Ramaioli

IL BISCIONE DEI VISCONTI di Teresa Ramaioli iltuonoilgrillo il 29/05/16 alle 18:10 via WEB IL BISCIONE DEI VISCONTI---Come nacque il biscione dei Visconti? Perché proprio una vipera doveva finire sullo stemma di quella che per decenni fu la famiglia più importante di Milano? La storia non è chiara, ed ai curiosi restano solo alcune leggende.
1^ leggenda Desiderio, ultimo re dei Longobardi, antenato – si dice – dei Visconti, stava dormendo sull’erba.
Era in guerra e, stanco di assalti e di combattimenti, aveva cercato un po’ di riposo all’uso dei soldati.
Dormiva da alcune ore, quando i suoi cortigiani cominciarono a preoccuparsi: sembrava infatti loro che, a quel modo, il re trascurasse troppo gli impegni bellici.
Decisero di svegliarlo, ma, avvicinatisi al dormiente, scoprirono che intorno al capo – come una corona – gli si era arrotolata una vipera.
Non osarono muoversi e rimasero fermi ad aspettare che il re si svegliasse da solo.
Quando Desiderio finalmente aprì gli occhi, la vipera scivolò via tra l’erba.
Non gli aveva fatto nulla: si era accontentata di riposarsi un po’ sul suo capo.
I cortigiani fecero tanto d’occhi e così pure Desiderio, quando gli fu raccontato il fatto.
E stimando che l’avvenimento avesse un che di prodigioso, il re longobardo decise di accogliere nel suo stemma la vipera che, di generazione in generazione, giunse poi a Milano.
Ciao Teresa Ramaioli

Leggi tutto l'articolo